Amazon Music Unlimited

Amazon lancia la sfida a Spotify: musica illimitata a partire da 4$ al mese

Cosimo Alfredo Pina

Amazon Music Unlimited, questo è il nome del nuovo servizio del colosso dello shopping che lancia la sfida ad Apple Music, Google Play Music, ma soprattutto a Spotify. Lo fa, per ora solo negli USA, con prezzi davvero interessanti, soprattutto per chi è già un cliente Amazon.

Come tutti gli streaming musicali anche Amazon Music Unlimited permette di accedere ad un notevole catalogo musicale, senza alcun tipo di pubblicità, pagando un abbonamento mensile. A tal proposito si parte da solo 3,99$ al mese per la formula che prevede l’ascolto solo sugli speaker della linea Echo, quelli che, ancora non disponibili in Italia, permettono di conversare con l’assistente Alexa.

Interessante anche il piano da 7,99$ al mese o 79$ all’anno dedicato agli iscritti ad Amazon Prime, mentre il costo per l’abbonamento convenzionale è di 9,99$ mensili, in linea con quanto offerto dalla concorrenza.

Come spiega Recode, Amazon ha dovuto forzare la mano sulle case produttrici per far accettare un servizio di streaming musicale da soli 4$ al mese, ma è riuscita a convincerle con il fatto che il piano base di Music Unlimited sarà un canale di ingresso verso gli altri piani più costosi.

LEGGI ANCHE: Remix e mixtape arrivano su Spotify ed Apple Music, grazie a Dubset

Amazon Music Unlimited conta già un catalogo da 30 milioni di brani (per ora niente esclusive) e, senza troppe sorprese, può essere usato su più dispositivi, smartphone incluso. Interessante la possibilità di scaricare la musica per l’ascolto offline.

Alexa sarà ovviamente integrato con Music Unlimited e permetterà di avviare la riproduzione di brani, album e playlist in base ai gusti musicali o al mood. Come detto in apertura per ora il tutto rimane appannaggio degli States; nei piani di Amazon c’è anche l’introduzione di un piano famiglia (6 membri a 14,99$ al mese) ed un’espansione in Regno Unito, Germania ed Austria.

Per ora non ci sono notizie per l’Italia ma siamo certi che in molti, sopratutto chi ha già un account Prime, si farebbero tentare dallo streaming musicale di Amazon.

Via: RecodeFonte: Amazon.com
  • Viva la concorrenza! Spero che tra il servizio video e quello musicale, dia una bella botta a Netflix e Spotify così da fargli avere prezzi (ancora) più convenienti! 😀

    • Cia91

      Peccato che in italia non c’è nulla di tutto questo…

    • RiccardoC

      quale concorrenza? fanno lo stesso prezzo di spotify! I prezzi scontati sono solo per particolari clienti.
      Quanto a Netflix non capisco, è un servizio diverso e ritengo che il prezzo possa essere equo

      • Dario

        E’ pur sempre concorrenza! Ora uno può scegliere se Spotify o Amazon. Se Spotify non vuole perdere utenti o continuare a guadagnarne può essere che inizi ad abbassare un po’ il prezzo, poi sarà la volta di Amazon, etc!

        Oppure non succederà, si metteranno d’accordo e rimarranno a 9.99€….. Ma almeno puoi scegliere il servizio più performante ;-)!

        • Torlin Novak

          “performante” non è italiano. E’ internettiano.

          • Dario

            http://dizionario-italiano.it/dizionario-italiano.php?parola=performante

            “L’aggettivo (o in casi più rari participio presente) performante, affermatosi soprattutto nell’ambito della scienza informatica e dell’economia, indica in primo luogo un apparecchio tecnologico (computer, cellulare, ecc.) che restituisce, appunto, prestazioni buone. Per estensione risultano performanti videgiochi, automobili, biciclette, aziende.” Fonte: Accademia della Crusca

          • Torlin Novak

            sì, appunto…l’italiano cafone dei tempi di internet. Quello inventato.

          • Daniel

            Eh si tutti ignoranti e cafoni all’Accademia della crusca… aahahah ma fammi il piacere ed eclissati và…

          • Daniel

            E siamo sicuri che tu conosca l’italiano?

          • Torlin Novak

            io dico di sì

          • Daniel

            Tu puoi dire cio’ che vuoi ma hai dimostrato di no..

    • Casper

      Se Spotify abbassa i prezzi chiude. Perché dovrebbero darci un servizio in rimessa??? Non da molto è uscito proprio un articolo che sottolineava come il progetto spotify non fosse sostenibile economicamente dall’azienda con i prezzi attuali a causa delle elevate royalties da pagare agli artisti.
      Non possiamo pensare che le aziende ci diano ciò che ci fa comodo al prezzo che ci fa piacere a noi.
      Spotify, come altri servizi, è un “di più”, non è necessario. Se puoi permettertelo lo fai, se la cifra per te è eccessiva non lo fai, ma sperare che ti regalino le cose non è davvero corretto.

      • Marco22

        Dipende. Se ho un’azienda che offre solo 1 servizio/prodotto non posso permettermi di andare in perdita (se il mercato vuole 10 euro e io lo offro a 7 quei 3 euro devo tirarli fuori da qualche parte ma dato che offro solo quel servizio non posso farlo) se hai un’azienda che offre più servizi/prodotti e ha ricavi multi miliardari posso benissimo offrire uno sconto ai miei clienti (sperando che non tutte le persone che ascoltano la musica in streaming passino al mio prodotto se no veramente genero grosse perdite) dato che i 3 euro persi li recupero da qualche altra parte…

        • Casper

          Appunto. Spotify offre musica in streaming e basta. Quindi il prezzo non può tagliarlo come chiede Alew1s3. Edit: nel discorso finale di Ale c’è scritto che spera che questa cosa faccia abbassare i prezzi a spotify e netflix.

    • Sabrina Taddei

      Ciao Ale,
      sapevi che condividendo l’abbonamento con altri puoi avere i prezzi bassissimi?
      Basta rispettare i termini di uso dei servizi, quindi per esempio per Spotify formare un gruppo di familiari o di persone che vivono nella stessa casa e condividere le spese. Se vuoi farlo in maniera semplice e sicura puoi utilizzare anche la nostra piattaforma http://www.togetherprice.com Fammi sapere che ne pensi 😉

  • Il prezzo di Netflix è giusto.
    Spotify invece è piuttosto caro. Infatti ho l’abbonamento a Netflix, ma non a Spotify…

    • Sabrina Taddei

      Ciao Lorenzo, se hai un gruppo di familiari o di coinquilini puoi avere anche Spotify a meno di 3 caffè al mese semplicemente condividendo il piano family. Puoi utilizzare la nostra piattaforma per farlo in modo semplice e sicuro http://www.togetherprice.com Fammi sapere 😉

  • Adriano

    Non solo USA, da ieri è attivo anche qui in UK Ed è incluso nel mio Amazon Prime.

  • Sabrina Taddei

    Ciao a tutti,
    sono uno dei fondatori di Together Price (www.togetherprice.com), la piattaforma dove potete condividere, secondo le regole dei piani multi account, l’accesso ai servizi online più utilizzati, da Spotify a Netflix fino a Office 365 . Ti registri gratuitamente e crei una proposta di condivisione o aderisci a una di quelle in corso. Se il piano famiglia di Amazon Music Unlimited lo permetterà tra poco supporteremo anche la loro condivisione.