soundcloud final

Dopo un aspro negoziato di cinque anni, SoundCloud pagherà equamente gli artisti

Cosimo Alfredo Pina -

PRS (Performing Rights Society) for Music, l’ente britannico per la tutela dei diritti d’autore dei musicisti, ha stretto un’importante “accordo” con SoundCloud, la popolarissima piattaforma per la condivisione e l’ascolto di musica, dove artisti da tutto il mondo cercano successo sulla rete.

Dopo cinque anni di negoziato fallito, la PRS, ad agosto, aveva intentato causa a SoundCloud con lo scopo di riconoscere i diritti a coloro che pubblicano contenuti sul sito.

LEGGI ANCHE: Spotify è il servizio di streaming musicale più utilizzato al mondo

Adesso la questione sembra essersi risolta a favore degli artisti, che saranno “equamente retribuiti”. Oltre a questo SoundCloud, forse per cercare di tamponare la piccola bufera, promette di portare nuove funzioni sul suo sito.

Nel 2016 ci saranno infatti “nuovi servizi e funzioni per l’Europa”, a partire da una sistema di metadata che aiuterà gli artisti a capire quali fattori spingono un pezzo verso il successo.

Via: The Next Web