Netflix Daredevil

Netflix in Italia in Ultra HD: tutte le serie e i contenuti

Lorenzo Delli -

Avrete probabilmente già letto la notizia dell’ufficialità dell’arrivo di Netflix anche in Italia. Il celebre servizio di streaming mira infatti a rivoluzionare la televisione anche nel bel paese a partire da questo ottobre.

È lo stesso Reed Hastings, creatore di Netflix, a rivelarlo in occasione di un’intervista a Wired, seguito a ruota dal canale ufficiale statunitense Twitter di Netflix e anche da un comunicato ufficiale che svela maggiori dettagli a riguardo di quella che sarà l’offerta dei contenuti disponibili al momento del lancio del servizio in Italia.

LEGGI ANCHE: Ufficiale: Netflix arriverà in Italia da Ottobre

Per cominciare tutta la selezione di contenuti, film e serie TV, saranno disponibili sia in alta definizione sia in Ultra HD 4K. Al suo lancio l’offerta di Netflix includerà serie originali quali Marvel’s Daredevil, Sense8 (la nuova serie dei fratelli Wachowski), Bloodline, Grace and FrankieUnbreakable Kimmy Schmidt e Marco Polo, oltre ai documentari Virunga, Mission Blue e Chef’s Tablet. Saranno inoltre disponibili tutta una serie di contenuti anche per i bambini.

Netflix specifica inoltre che tutti i contenuti saranno disponibili in lingua italiana (sia doppiaggio, sia sottotitoli per i non udenti), ma non chiarisce se sarà effettivamente possibile visionarli anche in lingua originale con annessi sottotitoli.

L’offerta potrà contare anche su nuovi contenuti, come la nuovissima serie originale Narcos, che racconta la storia del cartello di Pablo Escobar, Club de Cuervos, una commedia che riguarda una faida familiare a seguito della morte del proprietario di una squadra di calcio, e Marvel’s Jessica Jones, seconda di quattro serie Marvel che saranno disponibili in esclusiva proprio su Netflix. Ci sarà anche una mini-serie intitolata The Defenders che riunirà i quattro personaggi protagonisti delle serie Marvel.

Marvel's Defenders

Ci sarà anche la selezione di film originali Netflix, quali Beasts of No Nation, Crouching Tiger, Hidden Dragon The Green Legend, Jadotville e The Ridiculous 6. Purtroppo House of Cards e Orange is The New Black sarebbero esclusi dai contenuti disponibili al lancio visto e considerato che Netflix ha già venduto i diritti a Sky e Mediaset.

Maggiori dettagli anche a riguardo della sottoscrizione: il primo mese sarà gratuito e sarà possibile cancellare la sottoscrizione in qualsiasi momento. Sarà disponibile al suo lancio su Smart TV, tablet, smartphone, PC e su una selezione di box TV e console. Ulteriori dettagli sul prezzo e l’elenco completo dei dispositivi compatibili sarà svelato tra qualche settimana.

Fonte: Netflix
  • Enrico Furnari

    Anche tu, Netflix, senza lingua originale? 🙁

    • Max 137

      Su Sky tutti i programmi sono disponibili anche in lingua originale

      • Enrico Furnari

        Non lo sapevo, sinceramente 🙂 per il semplice fatto che le “offerte” di Sky non mi interessano troppo…

        • Max 137

          Sostanzialmente sono le stesse di Netflix, con in piu’ lo sport.
          Non sono molto ottimista a proposito di Netflix in Italia. Con le linee che abbiamo voglio proprio vedere “L’ultra hd” etc etc.
          Poi c’e’ gia’ Sky che mi sa avra’ tantissime cose in esclusiva. Vanno benissimo le serie dell Marvel…
          Peccato che l’abbonamento non lo comprino i ragazzini ma le mamme… Marvel chi???

          • Enrico Furnari

            Netflix costa niente in confronto a SKy. Sono in Svezia, ho 4 amici che condividono lo stesso abbonamento (con abbonamento ULTRA HD, si possono usare 4 schermi per volta), 16 euro in totale al messe –> 4 euro al mese a testa. Con sky spendi 25 euro al mese per film + serie, cioè 6 volte tanto, e non so neanche se i contenuti sono a 1080p.
            Direi che il paragone non regge neanche alla lontana…
            E magari Netflix può essere un ulteriore incentivo allo sviluppo delle linee, vero ostacolo italiano…

          • Max 137

            Si Enrico sicuro… Vedrai che cablano l’Italia di nuovo perche’ arriva Netflix.
            Conosci quel vecchio adago: “Chi vive sperando muore c….”??
            Ecco!

          • Enrico Furnari

            Secondo te ci sarebbero corrieri efficienti, che consegnano pacchi in 2 giorni in giro per l’Europa, senza Amazon, Ebay e company?
            Finchè la richiesta di banda è per YouTube e download illegali, le compagnie non ricevono incentivi da nessuno, e devono far da soli. Quando iniziano a girare i soldi (quelli veri, vatti a leggere i numeri di Netflix…), di sicuro c’è più interesse. Vedi Facebook, Google e Microsoft che stanno spendendo a destra e manca per aumentare l’accesso a internet.
            Non dico che Netflix cambierà tutto, ma magari Sky, per ridurre i prezzi, inizierà a trasmettere sul serio via fibra (nei paesi nordici le parabole non esistono), e Mediaset si decide ad abbandonare la scommessa persa del digitale, per puntare su Infinity, e allora vedrai che la banda migliorerà 😉
            P.S. preferisco sperare in un Italia migliore, ma non ti preoccupare, che io mentre c*** io mi guardo contenuti in 2K con la mia connessione a 80 Megabit reali 😉

          • riccardo1991

            Quante castronerie che leggo. Meglio fare chiarezza: allora prima di tutto l’UE (non il governo italiano) ha fissato come obiettivo entro il 2020 di avere almeno la 30 mbit fruibile per tutti gli abitanti dell’unione, e contemporaneamente il 50% dovrà avere la possibilità di accedere alla 100mbit. I costi stimati sono di circa 40-60 miliardi per la 30, oltre 250 miliardi di euro per la 100. Questo è il 4 pilastro dei 7 della digital agenda per il 2020. Ovviamente dietro ci sono un sacco di dettagli sia tecnici che economici che non sto qua ad illustrare, ma se vuoi ti posso dare parecchie reference e paper che parlano di questo. Io studio proprio i mercati TLC dalla parte economica e il mio professore è uno dei più famosi ad occuparsi di questo campo. Però l’Italia, in quanto paese EU, deve adeguarsi e rispettare le direttive europee. I soldi ci sono e sono già stanziati per essere investiti (attorno ai 6 miliardi di euro per quest’anno) per portare la fibra dove possibile (che sia FTTH o FTTC sarà compito del concessionario deciderlo). Che poi l’Italia sia il fanalino di coda per lo sviluppo della rete veloce, SIA per il livello di penetrazione di essa nel mercato è un altro conto. Fattostà che l’infrastruttura verrà sviluppata sicuramente, ma non è perché arriverà neftlics che questo avverrà. Anzi, netflix si sta buttando avanti. Scusami però il paragone con i corrieri non regge: il mercato delle TLC è fortemente regolamentato, quello dei corrieri espressi no. Se guardiamo dove l’adozione di fibra è più alta in europa, troviamo Paesi Bassi e Estonia, dove anche la geografia li favorisce. Mentre anche la vicina e decantata svizzera, non UE, ha solo le principali città cablate mentre il resto è il nulla cosmico. Ovviamente l’Italia ha l’attenuante del territorio, ma le colpe dei mancati investimenti negli anni passati anche a causa di un’adeguata regolamentazione e inventivi, si riflette ora con questa “acqua alla gola”.

          • Si certo, direttive europee come quella dell’ abbattimento dei costi di roaming. Che se tutto va bene le vedremo attuate tra 20 anni.

          • riccardo1991

            Veramente la rimozione del roaming non è una direttiva europea, ma semplicemente un’idea portata avanti da una commissione separata, che non è ancora stata approvata oltretutto ma è ancora una “bozza”. Questione diversa è per l’eurotariffa, cioè l’ue ha regolamentato anche il mercato del roaming, regolamentato non vuol dire rimuovere il roaming. Dal 2007 i costi si sono abbassati gradualmente, come giusto che fosse, per evitare svalutazioni repentine delle azioni delle aziende di TLC. La rimozione del roaming è una grana che va pensata per bene cioè si vuole creare un mercato unico delle TLC. Adottare misure comuni per mercati diversi è quasi sempre controproducente. E per avere un mercato unico europeo servono livelli di welfare, di inflazione ecc non troppo lontani. E poi proprio del mercato TLC sono le infrastrutture che sono un grande scoglio (penso solo che la fibra in giappone è di proprietà dello stato) ma soprattutto le FREQUENZE dello spettro. Quindi piuttosto che venga fuori una schifezza (che implicherebbe tutti per esempio a farci un giro a Bucharest, Sofia, Varsavia per prenderci una sim e pagare di meno), meglio che venga pensata per bene se proprio la si vuole fare. Per quanto riguarda la fibra invece, è tutto un altro discorso dal momento che è uno dei pilastri della digital agenda, firmato e votato dalla commissione e dal consiglio europeo.

          • Giacomo Solito

            Sky se non sbaglio offre il 720..comunque non penso che Netflix sia un incentivo abbastanza forte per migliorare le linee in Italia..

  • Asen Georgiev

    Scusate, ma programmi sportivi non ne mettono?

    • Enrico Furnari

      no, Netflix non ha programmi sportivi.

      • Dr. Fragle & MrShark

        YUPPIE|

  • Marino

    Ma lo sanno quelli di Netflix quali sono le condizioni medie delle linee adsl in Italia? La vedo dura veicolare contenuti UHD, la mia adsl è addirittura regredita da 7-8 Mbps a 2-3 Mbps 🙁

    • Enrico Furnari

      nelle grandi città l’ultra HD è fruibile, ed è chiaramente una cosa per il futuro. Non in molti hanno già uno schermo 4K…

  • Matteo

    Anche secondo me in Italia non abbiamo (e non avremo ancora per molti anni) linee che consentano di usufruire di questo servizio. Io già con SkyGo faccio fatica e “nominalmente” ho una 8Mbps…

    Comunque in lingua originale ci sono sia Sky che molti canali Mediaset (solo per film e serie piuttosto recenti, a dire il vero). Ovviamente Rai latita (anche) su questo aspetto.

    • Phelton Birmingham

      La difficoltà nel fornire un servizio come quello che si prepara a dare Netflix sta, si nel problema della banda utente, che comunque con 8 mbit e un po’ di buffer basta pure… Ma il vero problema sta nella struttura di chi fornirà i contenuti video. Per poter dare contenuti u-hd a un numero di x utenti su tutto il territorio italiano, significa che il fornitore di rete (dalle mie fonti si tratta di TI) su cui ti stai appoggiando, deve aver strutturato insieme al cliente (Netflix) una infrastruttura di rete CDN così ben organizzata e bilanciata da permettere la fornitura dei contenuti a tutti gli utenti che ne fanno richiesta. A mio avviso, se l’adesione dovesse essere alta da subito, c’è il rischio che il servizio funzionerà da schifo. Staremo a vedere se Ti e gli ingegneri di rete di Netflix insieme a quelli TI hanno fatto bene i conti.

  • Marco P

    la serie su Daredevil è fantastica!!
    l’ho vista tutta in eng sub eng pure non essendo molto bravo..
    ma la ho adorata =)

    • duddolo

      Concordo, la migliore di quest’anno insieme a Better Call Saul.

      • Marco P

        di cosa parla better call saul?

        • duddolo

          È lo spinoff di Breaking Bad che racconta la storia di uno dei personaggi migliori di quella serie, Saul Goodman. Se non hai visto BB ti consiglio di provvedere 😀

          • Marco P

            XD ho visto solo la prima stagione di bb
            vabe prima allora finisco bb
            grazie

  • dgero83

    Chromecast?

    • Enrico Furnari

      Certo 😉

  • Nicolò Semprini

    Ma se tipo volessi rivedere Scrubs? :3

    • Timothy

      Amazon, cofanetto dvd inglese con tutte le stagioni. In genere oscilla intorno ai 50€. Contiene anche la lingua italiana. Non mi sono mai fatto un regalo migliore. xD

  • andyroid

    Bello, sicuramente faro l’abbonamento, ci sara poi the house of cars con geremy

    • Pocce90

      ti consiglio di leggere bene l’articolo, HoC non ci sarà

      • andyroid

        Gia fatto, The house of cars ( top gear) deve ancora uscire 🙂

  • SeaPatrol

    Fatemi capire, qui tirate in ballo sky, ma le serie tv che trasmetterà Netflix saranno senza interruzioni pubblicitarie ?

    • Enrico Furnari

      Certo.

      • SeaPatrol

        e grazie anche a te 🙂

    • Angelo Ishara Basnayake

      si non ci sono interruzioni pubblicitarie di nessun tipo
      buona visiona
      lo uso qui in australia e funziona alla meraviglia 🙂

      • SeaPatrol

        Grazie dall’emisfero nord 🙂

  • Gigi

    Mmm… se questo è il catalogo conviene più Infinity a 4,99 (e questo è tutto dire)