Netflix: prezzi per l’Italia e condivisione account

Lorenzo Delli -

Arrivano finalmente le prime conferme per i prezzi relativi ai vari abbonamenti proposti da Netflix per l’Italia.

Il celebre servizio di streaming online debutterà infatti nel Bel Paese (e in contemporanea anche in Spagna e Portogallo) a partire da ottobre e proprio in questi ultimi giorni Netflix ha organizzato un piccolo evento per la stampa in cui alcuni responsabili del servizio hanno fatto un po’ di chiarezza su alcuni, importanti, dettagli.

LEGGI ANCHE: Netflix in Italia anche con le serie date a Sky e Mediaset, e contenuti in lingua originale

Intanto arrivano nuove conferme a riguardo della totale assenza di accordi di esclusività con operatori telefonici, tutti potranno sottoscriversi ai vari abbonamenti mensili proposti.

Il sistema di streaming funzionerà in modo simile a quello di YouTube: ogni contenuto è disponibile in diverse risoluzione e viene offerto all’utente in base alla velocità della sua connessione. Se potete guardare video in 720 o 1080p su YouTube non dovreste quindi avere problemi di alcuna sorta (per un video in Full HD dovrebbe essere sufficiente una linea a 4 Mb/s).

Veniamo ai prezzi per l’Italia che sono in linea con quelli praticati in Europa (e negli Stati Uniti):

  • 7,99€ al mese – 1 dispositivo – contenuti in SD
  • 9,99€ al mese – 2 dispositivi contemporaneamente – contenuti in Full HD
  • 11,99€ al mese – 4 dispositivi contemporaneamente – contenuti in 4K

Confermato inoltre il primo mese di prova gratuito. A proposito del numero di dispositivi, sottoscrivendo gli account a 9,99€ e 11,99€ sarà possibile sfruttare più dispositivi contemporaneamente. Questo vi permetterà di condividere il medesimo account con 2 o più persone dividendo equamente la spesa mensile, cosa che già succede nel resto dei paesi in cui Netflix è attivo. Inoltre il sistema di suggerimenti integrato in Netflix permetterà di distinguere l’utente che lo sta usando grazie alla possibilità di creare fino a quattro diversi profili.

Nessuna informazione aggiuntiva a riguardo del catalogo (le ultime risalgono al nostro precedente articolo in merito), ma uno dei responsabili ha accennato al fatto che proprio il catalogo sarà in continua evoluzione e che al lancio potrebbe essere un po’ povero di contenuti.

Da non perdere

 

Fonte: Lega Nerd