Netflix: la nostra prova su Android TV (video)

Nicola Ligas -

Oggi è stato senz’altro il Netflix day, quello dell’atteso lancio in Italia del noto servizio di streaming per serie TV e film, che dalla mezzanotte ed un minuto di oggi è disponibile anche per noi.

Non abbiamo ovviamente resistito e l’abbiamo subito provato su Android TV, giusto per darvi un’impressione di come potrebbe essere Netflix anche nel vostro salotto. L’interfaccia differisce un po’ a seconda del dispositivo che andrete ad usare: molte smart TV Samsung (e non solo) si sono ad esempio già aggiornate con la loro applicazione per Netflix, diversa da quella che vi mostreremo noi, ma se da un lato cambia l’aspetto, dall’altro non cambia il catalogo e la velocità del servizio, che ci ha subito convinto.

Il buffering è rapido, il seek veloce, e le opzioni sono poche ma “giuste”: la scelta della traccia audio, italiana o inglese, il cui switch è praticamente istantaneo, e l’abilitazione o meno dei sottotitoli.

LEGGI ANCHE: Costi di Netflix | Banda minima di Netflix | I migliori titoli del catalogo Netflix | Come condividere l’account

I contenuti sono distinti in moltissime categorie, e trovarne uno adatto ai gusti del momento è assai facile, anche perché la ricerca è piuttosto intelligente, e colloca in alto quelli più attinenti con lo storico dei contenuti visualizzati. Inoltre Netflix impara col tempo a suggerirvi contenuti adatti, in base a ciò che avete visto in precedenza. C’è anche la sezione per bambini, con soli cartoni animati e contenuti adatti ai più piccoli, in modo che “tenerli buoni” e soprattutto al riparo da visioni non adatte sia chiaro e semplice.

Se farete l’abbonamento standard o premium, avrete la possibilità inoltre di vedere Netflix su 2 o 4 dispositivi contemporaneamente: questo significa che mentre in salotto vi starete gustando una puntata di How I Met Your Mother, nella stanza accanto i bambini potranno guardare Madagascar sul tablet.

Infine, per cambiare impostazioni quali la qualità dello streaming o colore e dimensione dei sottotitoli, dovrete utilizzare il vostro browser e dirigervi sulla pagina di configurazione dell’account: le modifiche saranno apportate automaticamente a tutti i dispositivi su cui guarderete Netflix dallo stesso profilo del medesimo account; ciascun profilo può infatti avere impostazioni diverse, che andranno cambiate separatamente.

Per rispondere a domande inerenti i costi, la banda minima richiesta o l’ampiezza del catalogo, vi lasciamo ai precedenti articoli che abbiamo già linkato; ora è il momento della video prova.