nom servizio streaming cucina

Lo streaming arriva in cucina con Nom, il Twitch per gli amanti dei fornelli

Leonardo Banchi

Amanti della cucina di tutto il mondo, è arrivato il momento di aggiungere ai vostri mestoli, pentole, fornelli e teglie per dolci un nuovo accessorio: una webcam! Steve Chen, cofondatore di Youtube, ha infatti deciso di offrirvi la possibilità di mostrare a tutto il mondo ciò che sapete fare creando Nom, un servizio di streaming dedicato interamente alla cucina.

Data la crescente popolarità sia dell’arte culinaria, sia della pratica dello streaming (si pensi ad esempio al successo che ha Twitch fra i videogiocatori), era infatti solo questione di tempo prima che i due mondi arrivassero ad incontrarsi: grazie a Nom, adesso qualunque professionista o semplice appassionato potrà infatti aprire il proprio canale di cucina, e permettere a spettatori di tutto il mondo di osservare le sue prodezze ai fornelli.

LEGGI ANCHE: Sky si ispira a Twitch e porta gli eSport nella programmazione britannica

Alla base di Nom ci sono due personalità di spicco, garanzia che il servizio saprà fin da subito come muoversi nel mondo dello streaming: accanto a Steve Chen, che occupa la poltrona di responsabile tecnico, c’è infatti Vijay Karunamurthy, precedentemente ingegnere capo di Youtube e adesso direttore esecutivo di Nom.

Nom offrirà fin da subito la possibilità di trasmettere utilizzando un PC oppure un dispositivo mobile, consentendo anche al pubblico di interagire con gli streamer chattando ed inviando domande in tempo reale. A questo si aggiungono poi la possibilità di condividere GIF, foto e video, magari per confrontare il risultato dei propri sforzi tra i fornelli con quello dell’ospite della trasmissione.

Per costruire un social network interattivo, e consentire a chiunque di creare il proprio show culinario, i creatori di Nom hanno collaborato con molti chef e appassionati di cucina, fra cui figurano Corey Lee, cuoco a tre stelle Michelin, il sommelier Yoon Ha, il maestro di pasticceria Joanne Chang e molti altri.

Via: Venturebeat