Google Play Music Together Price

Cercate qualcuno con cui condividere il piano famiglia di Play Music? Provate con Together Price

Lorenzo Delli -

Vi ricordate di Together Price? Ve ne abbiamo parlato a giugno in questo articolo: si tratta in sostanza di un servizio gratuito che rende estremamente semplice condividere account Netflix, Spotify, Apple Music e altri servizi simili con amici o anche con perfetti sconosciuti.

Ogni condivisione ha un amministratore che accetterà eventuali domande di ammissione: a quel punto sarà possibile inviare la quota di partecipazione, ci penserà poi Together Price a gestire i rinnovi delle quote mese per mese.

Ve ne parliamo nuovamente poiché la start-up italiana responsabile del servizio annuncia oggi la possibilità di condivisione del piano famiglia di Google Play Music, che permette l’accesso al servizio musicale fino a sei persone contemporaneamente. Normalmente questo genere di abbonamenti è limitato alle mura domestiche o comunque a parenti vicini, ma i termini d’uso di Play Music a quanto pare permettono la condivisione con chiunque: “l’abbonamento può essere condiviso con chiunque a patto che sia maggiorenne e residente nello stesso Stato del sottoscrittore dell’abbonamento“.

In questo modo pagando praticamente 2,5€ al mese avrete accesso a 35 milioni di tracce audio, scaricabili anche in locale, playlist personalizzate e a tutte le altre funzionalità offerte da Play Music, compreso il caricamento della propria libreria di brani su cloud. Per maggiori informazioni vi rimandiamo direttamente al sito web di Together Price.

Play Music Piano Famiglia

  • Mauro_a_ahhh_96

    Interessante non sapevo esistesse un sito simile

    • Sabrina Taddei

      Ciao Mauro sono uno dei cofounder della piattaforma. Per qualsiasi domanda sono a disposizione. 😉

      • Mauro_a_ahhh_96

        Grazie magari in futuro 😉

        • Sabrina Taddei

          Quando vuoi, sei il benvenuto 😉

      • Nicolò Semprini

        Ciao, il mio account Google è americano. Ciò significa che non posso invitare account italiani nel gruppo famiglia.
        Come faccio a specificarlo sul vostro sito?
        Grazie

      • danitromo

        Ottimo servizio! Me ne ricorderò alla scadenza dei 6 mesi gratuiti di Play Music 😉
        Grazie!

  • Domenico Lovino

    Fantastico servizio che non conoscevo prima di aver letto questo articolo! In 30 minuti dopo la registrazione ho venduto le quote del mio servizio spotify……..ottimizzando la gestione dei miei costi!

    • Nicolò Semprini

      Occhio che possono usare il tuo metodo di pagamento per fare acquisti su Google Play

    • Sabrina Taddei

      Ciao Domenico, leggendo il tuo commento, ma anche quello degli altri percepisco quanto troviate utile il nostro servizio e per noi questa è la più grande soddisfazione. Continueremo ad inserire prodotti e servizi da condividere e stiamo per integrare anche una classifica di affidabilità per aumentare la sicurezza della piattaforma. Grazie ancora di cuore

      • Gianluca DS

        Ciao Sabrina, avete tenuto presente che su Google Play non è possibile disattivare all’interno del gruppo famiglia la possibilità di utilizzare il metodo di pagamento per acquisti sul Play Store da parte di chiunque faccia parte del gruppo?
        Se io creo un gruppo e ne divento l’amministratore, dò sostanzialmente in mano a una-cinque persone la possibilità di acquistare applicazioni usando i miei soldi.
        Per gli utenti maggiorenni si può impostare un blocco sugli acquisti in-app, ma non su quelli diretti nello store.
        Per gli utenti di età compresa tra 13 e 17 anni è possibile invece bloccare ogni tipo di transazione.

        Credo che un avviso a tal riguardo sia doveroso al momento della creazione di un’inserzione per quanto riguarda il servizio Play Music 🙂

      • Gianluca DS

        Ciao @disqus_1eEXXjA8R3:disqus, avete tenuto presente che su Google Play non è possibile disattivare all’interno del gruppo famiglia la possibilità di utilizzare il metodo di pagamento per acquisti sul Play Store da parte di chiunque faccia parte del gruppo?
        Se io creo un gruppo e ne divento l’amministratore, dò sostanzialmente in mano a una-cinque persone la possibilità di acquistare applicazioni usando i miei soldi.
        Per gli utenti maggiorenni si può impostare un blocco sugli acquisti in-app, ma non su quelli diretti nello store.
        Per gli utenti di età compresa tra 13 e 17 anni è possibile invece bloccare ogni tipo di transazione.

        Credo che un avviso a tal riguardo sia doveroso al momento della creazione di un’inserzione per quanto riguarda il servizio Play Music 🙂

  • Cippoz89

    Lo uso da giugno per Spotify, Netflix e infinity. Mai avuto un problema, davvero un ottimo servizio.

    • Sabrina Taddei

      Grazie Cippoz89! Siamo molto molto felici che tutto proceda bene e ti ringraziamo per aver lasciato la tua testimonianza! Grande!

    • e con infinity come funziona?

      • Cippoz89

        L’unica differenza di infinity (che paghi 1€ al mese) è che puoi registrare un solo dispositivo alla volta (io uso la play) su cui guardare il servizio. Non puoi registrare per esempio la smart TV e poi guardarlo sul tablet.

        • Ma basta fare il login e usare un dispositivo alla volta o richede menate particolari tipo la vecchia skygo?

          • Cippoz89

            Mai usato skygo e non so come funziona ma con infinity visto che lo devi usare in condivisione penso tu debba prima fare il logout dal dispositivo vecchio e poi il login a quello nuovo. Problemi così con Netflix non ci sono.

  • vincenzo di gesù

    lo uso da un paio di mesi per condividere il mio piano family,devo dire che questo servizio funziona molto bene e poi @disqus_1eEXXjA8R3:disqus è davvero molto disponibile se si ha qualche problema ^__^

    • Sabrina Taddei

      Grazie Vincenzo! grazie di cuore davvero, noi ce la stiamo mettendo tutta per realizzare qualcosa di bello con tutti voi! E leggere questi commenti fa piacere davvero.

  • tiffy

    Ottimo Servizio! Premetto che sono un’amante della Sharing Economy ed utilizzo già servizi come Airb&B e Bla Bla Car, e poi ho conosciuto Together Price qualche mese fa e condivido serenamente gli account di Spotify, Netflix e Office 365. Praticamente li ho tutti e tre al prezzo di uno!
    Grandi ragazzi! Servizio utile, giovane ma già efficace! Complimenti!

    • Sabrina Taddei

      Grazie mille Tiffy, il tuo feedback ci riempie di gioia! Stiamo cercando infatti di fare una cosa utile soprattutto perchè siamo tutti ragazzi e conosciamo bene quanto sia vantaggiosa la condivisione invece che l’acquisto e non c’era un servizio che supportasse tutte le altre cose da condividere oltre che l’appartamento o l’auto. Ci fa veramente tanto piacere che tu ti sia trovata bene con noi. Io sono sempre a disposizione per qualsiasi cosa, se non mi trovi qui, puoi aggiungermi anche su Facebook, mi trovi come “sabrina taddei”, mi fa piacere. 😉

  • Marco

    @disqus_1eEXXjA8R3:disqus Io oggi ho deciso di provare together price! Ho inviato la “richiesta” ad uno sconosciuto che appariva nella home del sito, mi ha accettato, ho pagato e… aspetto?

    • Sabrina Taddei

      Ciao Marco,
      adesso puoi entrare e scaricare le credenziali di accesso o inviare tu la tua mail google per essere aggiunto alla famiglia di Google Play (dipende dal servizio che stai condividendo). Grazie per aver condiviso con noi! 😉

      • Gianluca DS

        @disqus_1eEXXjA8R3:disqus, oggi ho creato un’inserzione per la condivisione di Play Music. Un utente ha già accettato la proposta ed inviato il suo pagamento. Tuttavia, resomi conto che aggiungendolo al gruppo famiglia gli ho dato le “chiavi” per effettuare acquisti sullo store usando la mia carta, ho deciso di ritirare la mia offerta. Cosa che non può essere fatta dal sito, suppongo perché un pagamento è già stato registrato. Come devo regolarmi? Chiedo all’utente di ritirare la sua registrazione alla mia offerta e lo rimborso? O il rimborso avviene in automatico (non credo)?

  • Davide Arcuri

    @disqus_1eEXXjA8R3:disqus se uno dei componenti (potrei essere anche io stesso) con cui ho condiviso non ha momentaneamente (o affatto) fondi sulla carta di credito, come gestite la cosa?

    • Sabrina Taddei

      La condivisione presuppone che tu sia già abbonato al servizio, parliamo ad esempio di Google Play Music. Puoi aprire la condivisione su Together Price solo se hai già l’abbonamento, poi sulla piattaforma trovi le persone che condividono con te il servizio e per diventare membri devono inviarti la loro quota. Se non ci sono fondi sulla carta, non possono inviartela e quindi non possono condividere. Dimmi se sono stata chiara altrimenti riprovo 😉

      • Davide Arcuri

        ok al momento della richiesta ci devono essere i fondi.
        Quel che intendevo dire è: se io ho attivato un account (netflix ad esempio) e mettiamo sono già molti mesi con cui lo condivido con altre persone usando il vostro servizio, ma ad un certo punto uno dei membri con cui ho condiviso non ha fondi, che fa? esce dalla condivisione?
        In sostanza, al momento del rinnovo, bisogna rinviare la richiesta o c’è una cosa automatica?

  • Gianluca DS

    Segnalo alla redazione che creando un gruppo famiglia si dà la possibilità ai membri di utilizzare il metodo di pagamento predefinito dall’amministratore per tutti gli acquisti sullo store, senza la possibilità di disattivare questa opzione (a meno che i membri siano minorenni, per dovere di cronaca). Questo significa che creare un gruppo su togetherprice (solo per quanto riguarda Play Music, gli altri servizi non creano di questi problemi!!!) implica fornire la propria carta di credito a uno-cinque sconosciuti per gli acquisti su Google Play. Per quanto non sia una certezza, la possibilità che qualcuno possa approfittarne esiste e sarebbe corretto segnalarlo nel vostro articolo.
    Se le informazioni in mio possesso sono errate è gradita una rettifica, ovviamente!
    Grazie 🙂

    • Sabrina Taddei

      Ciao Gianluca, hai ragione e grazie mille per aver integrato l’informazione. Il consiglio è quello di sottoscrivere l’abbonamento con una carta di credito prepagata sulla quale saranno disponibili mese per mese soltanto i soldi per il pagamento dell’abbonamento a Google così da evitare problemi che giustamente hai descritto. Su Together Price stiamo per inserire anche una classifica di affidabilità che monitorerà il comportamento dei membri delle condivisioni proprio per alzare il livello di fiducia e di affidabilità tra gli utenti.

  • idea geniale

  • Gianluca DS

    @disqus_1eEXXjA8R3:disqus
    Un utente che ha aderito alla mia proposta di sharing vuole ora lasciare il gruppo. Ho provveduto a rimborsarlo, ma lui dice di non vedere opzioni per abbandonare ed io non ne ho per escluderlo né per eliminare l’inserzione.
    Come si procede in questo caso?

  • Danilo Todarello

    Qualcuno che mi può aggiungere ad un gruppo spotify?? Per contatti danysgrove@hotmail.it

    • Sabrina Taddei

      Ciao Danilo ti ricordo che Spotify è condivisibile solo in ambito familiare e/o domestico, non con sconosciuti. Ti consiglio per tanto di aderire ad una proposta Google Play Music che non ha questi vincoli.