Plex Cloud permette ora la riproduzione da Dropbox, Google Drive e OneDrive (video)

Leonardo Banchi

Plex Cloud, il servizio di Plex che permetteva di utilizzare lo spazio di Amazon Drive al posto di un server vero e proprio, è stato appena aggiornato ampliandone la compatibilità: da oggi sarà infatti possibile effettuare lo streaming dei propri file multimediali anche sfruttando gli spazi cloud di Dropbox, Google Drive e OneDrive, a patto di avere ovviamente una buona connessione e la sottoscrizione al programma premium Plex Pass.

Questo servizio elimina la necessità di un server hardware, e semplifica quindi anche la configurazione del servizio: qualunque sia lo spazio cloud da voi scelto sarà infatti sufficiente collegarsi attraverso Plex Pass per permettere la scansione della libreria e l’inizio della riproduzione su qualunque dispositivo.

LEGGI ANCHE: Il media server Plex ha imparato a parlare! Arriva l’integrazione con Alexa

Ovviamente, il numero di file che potrete ospitare dipenderà dallo spazio disponibile sulla piattaforma cloud, e se disponete di una libreria piuttosto ampia è probabile che dobbiate acquistare uno dei pacchetti a pagamento. Se però semplicità e disponibilità in ogni situazione sono le caratteristiche che esigete dal vostro servizio di streaming, Plex Cloud è decisamente una opportunità da prendere in considerazione.

Via: EngadgetFonte: Plex