metroNYC

La metropolitana di New York potrebbe diventare così calda da essere pericolosa

Lorenzo Fantoni -

Chiunque sia stato a New York nei mesi estivi sa che la stagione non è clemente con la città che non dorme mai, sopratutto nella metropolitana, dove il caldo e l’odore trasformano l’ambiente in una sauna fetida.

LEGGI ANCHE: Helsinki: trasporti pubblici unificati grazie ad un’app

Come se non bastasse, i cambiamenti climatici potrebbero rendere questo ambiente ancora più inospitale, ai limiti della sopravvivenza umana.

Secondo un rapporto infatti l’aumento delle temperature medie potrebbe rendere le stazioni della metropolitana “pericolosamente calde per i passeggeri”, questo senza contare i pericoli derivati da un eventuale allagamento causato da piogge torrenziali improvvise.
Il calore sviluppato dai treni, dall’impianto frenante, dall’aria condizionata e dalle persone porterà le temperature a salire molto più che in superficie, questo anche perché le stazioni sono progettate come fossero enormi bollitori e non basta pompare aria fresca al loro interno, visto che i treni e le grate la dissipano velocemente.

L’unica soluzione potrebbe essere la creazione di treni più leggeri, che richiedano meno energia per funzionare e fermarsi, oppure installare pannelli di vetro tra la piattaforma e i treni (Come accade nelle metropolitane più moderne) così che l’eventuale aria fresca non possa sfuggire lungo i binari. Questo tra l’altro ridurrebbe di molto la possibilità che qualcuno cada accidentalmente o meno sui binari.

Dunque se vi dovesse capitare di andare a New York ad agosto, ricordatevi di portarvi una bottiglietta d’acqua prima di andare in metropolitana, non vorrete mica svenire mentre il treno sta arrivando?