singapore-mit-self-driving-car

A Singapore si testano i veicoli autonomi

Lorenzo Fantoni -

Il grande fascino delle auto che si guidano da sole si basa anche sulla prospettiva della totale eliminazione del traffico cittadino, con conseguente liberazione dallo stress del traffico.

 

LEGGI ANCHE: Secondo il MIT i materiali autoassemblanti sono vicini

A quanto pare a Singapore qualcuno ci crede davvero, visto che l’amministrazione cittadina ha dato il via libera per un programma di test in collaborazione col MIT che punta a eliminare il caso cittadino.

Un intero quartiere della città sarà infatti abilitato all’uso dei veicoli autonomi, con l’idea finale di renderli una sorta di servizio taxi autonomo da utilizzare per spostamenti a corto raggio o per raggiungere stazioni o aeroporti.

Il problema è particolarmente Sentito a Singapore, visto che la densità abitativa di circa 7600 abitanti per km quadrato ha portato a un blocco quasi totale della circolazione, con pesanti incentivi per chi usa i mezzi pubblici.

Ovviamente ci sono ancora molti ostacoli da superare prima di poter rendere sicuri e privi di stress i nostri viaggi in taxi autonomi, visto che l’MIT deve capire come bici e pedoni influenzano l’auto e quanto devono essere precise le mappe per evitare errori di parcheggio e manovra.

Se questo test dovesse andare a buon fine, forse non ci vorrà poi così tanto per arrivare al momento in cui lascerete l’auto in garage anche se non volete prendere l’autobus, perché avrete la vostra vettura personale che vi poterà dove volete.