Adidas presenta Futurecraft 4D: le scarpe modellate da luce ed ossigeno (foto e video)

Leonardo Banchi

Il progetto Futurecraft di adidas ci ha già mostrato più di una volta idee ambiziose, come le scarpe da corsa biodegradabili. Se però fino ad adesso avete pensato che si trattasse soprattutto di “esercizi di stile”, Futurecraft 4D potrebbe farvi cambiare idea.

Queste scarpe, appena presentate da adidas, rappresentano infatti il passo con cui l’azienda supera i limiti della tradizionale stampa 3D: la suola è infatti stata realizzata con metodologie che, pur richiamandone i concetti fondamentali, permettono di superarne i limiti e creare un prodotto di alta qualità, ma adatto alla produzione di massa.

LEGGI ANCHE: Xiaomi ed Intel hanno realizzato un paio di scarpe smart per il fitness

Il processo produttivo utilizzato da adidas per le Futurecraft 4D è chiamato Digital Light Synthesis, ed è stato realizzato in collaborazione con Carbon: si tratta di una tecnologia basata sull’utilizzo di luce digitale, ottiche permeabili all’ossigeno e resine liquide programmabili, grazie alla quale è possibile raggiungere un elevato livello di personalizzazione del prodotto, superando però la lentezza di produzione tipica della tradizionale stampa 3D.

Le prime 300 paia di Futurecraft 4D sono infatti già pronte per la distribuzione, mentre verso la fine del 2017 ne saranno messe in vendita altre 5000 paia. Ulteriori incrementi sono già previsti per le stagioni a seguire, con l’obiettivo di realizzare oltre 100.000 paia di scarpe entro la fine del 2018.

In attesa di poter trovare questo concentrato di tecnologia sugli scaffali, potete stupirvi osservandone alcuni dettagli e il processo produttivo nei video e nella galleria di foto che trovate a seguire.