LinkNYC

Le cabine hi tech di Alphabet per le città del futuro

Cosimo Alfredo Pina

Vi abbiamo parlato più volte, anche di recente, di come il progetto Sidewalk Labs di Alphabet, l’azienda nata per contenere tutti i progetti di Google (e Google stessa), stia lavorando a delle soluzioni concrete per migliorare e rendere più hi tech la vita in città. Tra i vari progetti ci sono anche delle cabine davvero speciali, di cui un documento riportato da Recode ci dà un sacco di interessanti dettagli.

In effetti non è la prima volta che si parla di hotspot di Sidewalk Labs; ne è una dimostrazione il progetto sperimentale LinkNYC che a New York ha portato la Gigabit Wi-Fi per le strade di New York con appunto delle colonnine che forniscono anche qualche servizio smart. Il concetto di base riportato da Recode è lo stesso, ma molto più articolato.

Si parla infatti di cabine (o chioschi) capaci non solo di fungere da hotspot e postazioni di ricarica grazie a svariate prese USB, ma anche di offrire servizi più avanzati come navigazione web, chiamate ai numeri su territorio nazionale e anche quelle di emergenza, con un tasto dedicato.

LEGGI ANCHE: La rete Gigabit Wi-Fi di Alphabet arriva per le strade di New York

Le cabine di Sidewalk Labs sarebbero poi in grado di raccogliere un gran numero di dati, come quelli sulle condizioni ambientali (umidità, temperatura, livello di raggi UV…) e sull’inquinamento dell’aria o acustico. Un sistema che monitora i dispositivi Wi-Fi serve invece a tenere traccia del traffico pedonale, mentre delle videocamere per controllare lo stato della strada (es. allagamenti, traffico) e oggetti sospetti, come un pacco abbandonato.

A New York le cabine, sebbene non così avanzate e “curiosone”, stanno avendo un gran successo tra gli abitanti; Alphabet adesso punta alla città di Columbus (Ohio, USA), dove tra l’altro esordirà anche il ridesharing di Sidewalk, per testare questa versione più avanzata i cui costi (alti) sono al vaglio degli enti.

Per questi hotspot particolarmente hi tech si parla di costi di gestione nell’ordine di 4,5 milioni di dollari per una rete di 100 chioschi. Cifra notevole che però si ridimensiona molto se si considerà che in caso una gestione decida di implementare la pubblictà sulle cabine la rendità stimata è di 60.000$ annui per unità.

Insomma una visione molto futuristica e relativamente semplice da adottare. Chissà se nei piani di Alphabet c’è anche un’espansione oltreoceano della tecnologia di Sidewalk Labs.

Fonte: Recode