droni amazon prime air

Amazon ha brevettato un piccolo drone ripiegabile e con comandi vocali

Cosimo Alfredo Pina -

In una tasca lo smartphone e nell’altra un drone. Ecco il futuro che ci prospetta il brevetto che si è recentemente aggiudicata Amazon. Nel documento si parla infatti di un drone che quando ripiegato entra in tasca, ma non solo, è comandabile con la voce.

Questo velivolo è pensato come un piccolo assistente, un Alexa volante tascabile, da estrarre all’occorrenza. Nel brevetto si fa riferimento a come il drone, ovviamente corredato di videocamera, potrebbe essere usato dalle forze dell’ordine come sistema di documentazione aggiuntivo, da affiancare alle dashcam, o addirittura come mezzo per inseguire un sospettato.

Esempio più vicino all’utente medio è quello che indica come potrebbe essere usato per ritrovare l’auto in un parcheggio, un bambino perso oppure per vedere quanto è lunga una fila durante un evento particolarmente affollato.

LEGGI ANCHE: DJI Mavic Pro ufficiale il “Phantom 4” in miniatura e ripiegabile

Come detto il drone brevettato da Amazon funzionerebbe anche con comandi vocali, come “decolla”, “ritorna” o “cerca auto”, impartibili sia direttamente che tramite un’app per smartphone dove viene anche mostrato quello che “vede” il piccolo multirotore.

Sappiamo già quanto Amazon ci tiene alla tecnologia dei droni, visto che sta lavorando per usarli come fattorini per le consegne di pacchi. Ovviamente lo scenario in cui tutti possano andare in giro con il proprio drone in tasca o nella borsa e farlo decollare quando più fa comodo è ancora fantascientifico, soprattutto perché la sicurezza viene prima di tutto.

Via: RecodeFonte: USPTO