apple tv 1

Apple TV: ufficiale entro la fine dell’anno a partire da 149€

Cosimo Alfredo Pina -

Sul palco del Bill Graham Civic (San Francisco), subito dopo iPad Pro, è il turno di Apple TV; la piccola scatola che porta intrattenimento moderno su tutti gli schermi arriva ufficialmente alla quarta generazione con davvero moltissime novità e anche qualche sorpresa, rispetto a quanto annunciano rumor ed indiscrezioni.

Dentro al corpo in alluminio, pressoché invariato e con la stessa fornitura di porte (HDMI, IR…) rispetto alla precedente generazione, si trova processore A8 a 64-bit, 2 GB di RAM, connettività Bluetooth e Wi-Fi, e memoria per l’archiviazione in due tagli 32 o 64 GB. La fornitura hardware è però l’aspetto secondario di quello che può ospitare: un vero e proprio nuovo ecosistema.

Apple TV porta sullo schermo del salotto un universo di intrattenimento che promette di unire armoniosamente l’universo mobile, quello delle console e quello delle smart TV.

LEGGI ANCHE: Apple TV: hands-on

Dopo OS X e iOS l’evoluzione per lo schermo del salotto è tvOS, un sistema operativo che cerca di replicare il successo del mondo mobile anche sui TV. App Store e Siri arrivano quindi su Apple TV.

Sul lato app e giochi sono diversi gli esempi che Apple ha messo in mostra durante la presentazione: da una versione multiplayer di Crossy Road ad un AirBnB con cui prenotare le vacanze direttamente dal divano. Il panorama delle app si espanderà con il lavoro degli sviluppatori che già da oggi hanno libero accesso alle API di tvOS.

Il tutto è ovviamente ottimizzato per il grande schermo e per l’interazione con l’innovativo telecomando che dietro alla forma classica nasconde un touchpad in vetro, giroscopio, accelerometri e microfono per usare Siri.

apple tv 2

L’assistente vocale è attivabile con l’apposito pulsante e promette un notevole grado di interazione grazie a ricerche intelligenti, impartibili con linguaggio umano (es. “Siri mostrami tutti i film con Tom Hanks”) e comandi specifici per la riproduzione (es. “Che cosa ha detto?” porterà la riproduzione indietro di qualche secondo ed attiverà temporaneamente i sottotitoli).

Essendo Apple TV, pensata appunto per i televisori, di fianco ad app e giochi ci sono film e serie TV. Grazie ad accordi con le principali produzioni sarà possibile cercare, proprio tramite Siri, tra i contenuti provenienti da iTunes, Netflix, Hulu, HBO e Showtime.

Attenzione anche al mondo dello sport con streaming full HD a 60 fps delle partite in diretta (anche se non è chiaro quale sarà la copertura a livello internazionale) e notifiche che permettono di dare un’occhiata al volo alle azioni più interessanti di altri eventi.

In un panorama dove le alternative proprietarie offrono un’esperienza mediamente chiusa e dove Android TV non strizza certamente l’occhio alla mela morsicata, Apple TV è senz’altro uno dei migliori dispositivi che potrete connettere alle vostro TV, sopratutto se siete affezionati utenti di iOS.

Se state già pensando di mettere le mani su questa “scatola magica” sappiate che arriverà ad ottobre negli USA e nel  resto del mondo entro la fine dell’anno, con prezzi che vanno a confermare quanto trapelato fino ad oggi: 149$ per la versione da 32 GB e 199$ per quella a 64 GB che molto probabilmente si tradurranno nel diretto corrispettivo in euro.

  • HunterM@X

    Che dire le premesse per un sistema “HOME.TV” quasi perfetto ci sono,vedremo come sarà recepita dal consumer.hi-tech_%

  • Simone De Iuliis

    A me pare la copia del nexus player -.-