Samsung Artik

ARTIK: l’universo open source di Samsung per l’IoT

Cosimo Alfredo Pina

Samsung introduce ARTIK, una piattaforma aperta indirizzata all’Internet of Things (IoT) che promette di velocizzare lo sviluppo di nuovi dispositivi. Il sistema è basato sia su moduli hardware sia sui relativi software e driver in grado di fornire anche funzionalità avanzate.

L’azienda coreana leader nell’elettronica punta così sfruttare la sua enorme potenza produttiva per creare schede elettroniche in grado di fungere da base per lo sviluppo di gadget e dispositivi connessi. L’offerta iniziale di ARTIK si baserà su tre modelli.

ARTIK 1, ARTIK 5, e ARTIK 10 saranno infatti tre schede elettroniche con caratteristiche in grado di adattarsi ad ogni utilizzo. Il primo sistema è una piattaforma estremamente compatta (12 x 12 mm) che offre anche connettività Bluetooth mentre la seconda scheda integra anche un processore dual-core, memoria RAM e spazio di archiviazione.

LEGGI ANCHE: Windows 10 è compatibile con l’elettronica open source

Per i dispositivi che necessitano di performance relativamente avanzate c’è invece l’ARTIK 10, un modulo potente che presenta un processore octa-core, supporto ai video Full HD, audio 5.1, 2 GB di RAM e 16 GB di archiviazione flash. A completare questo piccolo PC, troviamo anche connettività Wi-Fi, Bluetooth e ZigBee, un particolare tipo di rete wireless a basso consumo.

L’ecosistema ARTIK punta a ridurre al minimo lo sforzo per la progettazione hardware di nuovi dispositivi. La natura open delle tre schede che permettono di essere programmate anche con linguaggi comuni (Java, C/C++…), getta le premesse per un futuro ricco di dispositivi connessi e ricchi di funzionalità.

Se quindi siete degli appassionati di gadget e dell’IoT non resta che rimanere in attesa dell’operato degli sviluppatori, che troveranno tutti i dettagli sulle schede, oltre alla possibilità di aderire al programma alpha, sul sito ufficiale di ARTIK.

Fonte: Samsung