L’autoradio non è morta: questa di Sony ha un display da 7″, Android Auto e CarPlay

Cosimo Alfredo Pina

Praticamente ogni realtà del settore dell’automotive ormai offre, quantomeno come optional, sistemi di infotainment moderni, costituiti da display touch relativamente grandi e con funzionalità come Android Auto ed Apple CarPlay. Non per questo Sony vuole rinunciare a creare sistemi cosiddetti aftermarket, come l’autoradio XAV-AX5000 presentata al CES 2018.

Si tratta di un “autoradio”, fra virgolette perché ormai la funzionalità radio è quella più scontata, costituita da un bel display touch da 6,95″. A bordo tutto quello che ci si può aspettare da un prodotto presentato nel 2018: radio (supponiamo anche digitale), Bluetooth, riproduzione file multimediali da USB (anche FLAC), possibilità di collegarla alla retrocamera e soprattutto il supporto ad Android Auto ed Apple CarPlay via cavo.

LEGGI ANCHE: La nostra prova di Android Auto

Tra le caratteristiche interessanti spicca il ridotto ingombro (-23% in profondità rispetto al modello del 2017) e il fatto che posteriormente viene occupato solo uno slot DIN, quindi resta un bel po’ di spazio per la gestione dei cavi. Un prodotto sulla carta interessante, perché promette di offrire tutto quello che la maggior parte dei sistemi optional offrono, ad una frazione del costo.

A tal proposito non è chiaro quale sarà quello della XAV-AX5000, ma per dare un’idea la Sony XAV-AX100 dell’anno scorso si trova adesso sui 400€ e fu lanciata a circa 500€.

Via: The Verge
  • Bronx

    Con il cambio sempre più veloce dei sistemi a bordo, molte persone vorranno rendere Smart anche le auto con qualche anno sulle spalle. Lo vedo un settore in lieve ripresa per i prossimi 10 anni.

    • Io ho piazzato un tablet Android al posto dell’autoradio. Un bello sfizio 😁

  • Steve

    il grosso problema rimane il montaggio: potrei anche essere interessato ma dovrei avere conoscenze da elettrauto o mettermi a impararle, se no si deve trovare l’elettrauto giusto (oltre allo spazio in auto). ai tempi delle autoradio avevi uno “scheletro” fisso e dovevi solo cambiare blocco della radio a estrazione (o addirittura solo le mascherine)

    • Okazuma

      L’installazione è facile perché si tratta di collegare (in questo caso) 2 cavi se non hai la telecamera posteriore.
      Il problema è che, spesso, queste soluzioni non si adattano ai cruscotti delle auto.
      Uno schermo da 7 pollici non è facilissimo da posizionare perché occupa spazio.

      • Un 7 pollici occupa meno di un doppio din. Quindi ci sta nella maggior parte delle auto.

        • Okazuma

          Più che altro mi riferivo alla forma dei cruscotti.
          Basta fare un giro su YT per vedere che a volte serve un “riduttore” o una mascherina per rendere il cruscotto uniforme.
          Ho visto un video di un tizio che montava il modello precedente a questo su un Rav 4 (vecchio) ed ha dovuto utilizzare un riduttore e degli adattatori per il collegamento dei cavi.
          Oggi ho provato a vedere se nella mia auto potrei montate un profitto del genere e non posso, le bocchette per l’aria sono di intralcio

    • Di solito basta scollegare il connettore ISO dalla vecchia autoradio e collegarlo sulla nuova.

  • Bonnox

    Perché chi ha detto l’autoradio che era morta? Io uso ancora quella a cassette ahah

    E come funziona l’attacco per la retrocamera? Non è che vendono telecamere sfuse, bisogna farle montare apposta, immagino, vero?

  • fillobotto

    Proprio ora che stavo per comprare la AX100 e invece ora mi sento in dovere di aspettare. Non so se sia un bene o no