La banda larga in Italia cresce sempre più: oltre 15 milioni di accessi in un anno

Vezio Ceniccola

Buone notizie per quanto riguarda lo stato della connettività a banda larga nel nostro paese. Il nuovo rapporto annuale di Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) aggiornato a dicembre 2016, mostra una crescita a ritmo sostenuto per le connessioni veloci, che ci avvicina agli standard europei e porta benefici anche per il digital divide.

Nell’arco di 12 mesi, gli accessi complessivi da banda larga sono stati oltre 15 milioni, con una crescita di 600.000 unità rispetto allo scorso anno. Più di 1 milione di questi sono stati accessi da mobile, con un boom di oltre 720.000 accessi in più rispetto all’anno precedente, segno che lo sviluppo delle reti 4G sta procedendo bene.

Nonostante le connessioni in fibra ottica stiano diventando sempre più diffuse, gli italiani si affidano ancora moltissimo sull’ADSL, che garantisce velocità un po’ più lente, ma ha dalla sua la convenienza: grazie alle tante offerte degli operatori, si possono ottenere sconti e promozioni molto vantaggiose, per navigare da casa senza spese eccessive.

LEGGI ANCHE: La fibra ottica in Italia: Sud più coperto

Per quanto riguarda la capillarità delle reti a banda larga e ultra-larga, la situazione sta leggermente migliorando. Le infrastrutture di questo tipo sono sempre più presenti anche in zone lontane dai maggiori centri, soprattutto al Centro-Nord del paese – abitazioni raggiunte dalla banda a 100 Mbps: Lombardia (25%), Lazio (22%), Liguria ed Emilia Romagna (13%) – mentre per il Sud la situazione rimane meno positiva.

Via: Corriere Comunicazioni
  • John

    Non diciamo eresie, la stragrande maggioranza della gente utilizza il cavo in rame solo perchè la fibra non esiste sulla quasi totalità del territorio nazionale. Ci sono abbonamenti in adsl che per avere una 7 mega (2 reali) ti costano 40 euro al mese (Telecom, un nome a caso) quando esistono zone in cui hai la fibra 100mb o iper fibra (solo in corso Como a Milano -_-) che magari costa uguale o di meno. L’agcom è meglio che pensi a far pagare abbonamenti realmente mensili invece di farsi vedere solo quando può fare bella figura.

  • Davide Borsatto

    In Italia pagavo per una 20 mega e ho 5/6 reali, molto a stento. In questo periodo sono a Berlino, e ho una linea a 50 mega (reali) in casa, e 500 in ufficio. Cose del genere in Italia sono impensabili.
    Questi rapporti mi fanno ridere.

  • Bruno

    io in un’anno sono passato da 2 mega a la 100mg (80/95 mega) e adesso e stato pianificato l upgrade la 200 mg su fttc con nuova tecnologia