A BMW logo is seen on a car bonnet in Mexico City

BMW e Baidu in collaborazione per creare un’auto che si guida da sola

Leonardo Banchi -

Specialmente dopo le recenti aperture da parte di vari paesi all’introduzione di vetture con guida automatizzata (in particolare California e Inghilterra), era ovvio pensare che a Google, ormai da tempo impegnata in questo settore di sviluppo, si sarebbero affiancati altri pretendenti.

BMW, infatti, ha da poco annunciato una partnership con il colosso cinese Baidu per iniziare a testare vetture autoguidate a Pechino e Shanghai.

LEGGI ANCHE: I miglioramenti della Google Car che si guida da sola

Secondo una dichiarazione rilasciata dal produttore tedesco, vetture altamente automatizzate avrebbero già percorso migliaia di chilometri in Germania, ma il progetto sarà adesso espanso per includere grandi (e trafficate) città in Cina.

I centri urbani cinesi, con la loro continua espansione, presentano infatti agli ingegneri notevoli sfide, come ad esempio le autostrade a più livelli, cosa che le rende perfette per mettere alla prova i sistemi di guida automatica.

Perché, però, la ricerca di un partner, e la scelta di Baidu come compagno in questa sfida? La motivazione risiede nel pool di servizi offerti dal motore di ricerca: così come Google nel mondo occidentale, infatti, Baidu offre in Cina anche un dettagliato servizio di mappe ad alta risoluzione, che consentirà alle automobili progettate da BMW di conoscere strade e percorsi da intraprendere.

La sfida per le automobili intelligenti è quindi nel pieno del suo corso, anche se viene giocata in campi che si trovano in continenti differenti. Chi sarà il primo ad arrivare ad un risultato affidabile, è ancora una cosa che non possiamo sapere.

 

VIA: Reuters