P90170865-bmw-remote-valet-parking-ces-2015-12-2014-600px

BMW studia l’auto che si parcheggia da sola e si comanda con lo smartwatch

Lorenzo Fantoni

Al  CES 2015, BMW ha presentato le sue novità per il settore delle vetture con guida autonoma, incluso un assistente per il parcheggio attivabile via smartwatch.

LEGGI ANCHE: Come l’Inghilterra pensa di testare l’utilizzo di auto senza pilota

La i3 utilizzata per il test è dotata di 4 scanner laser avanzati che mappano la zona e identificano eventuali rischi ambientali. I dati vengono usati poi dal processore installato nella i3 per frenare automaticamente quando necessario.

Inoltre, BMW sostiene che i dati possono essere essere combinati con le piantine degli edifici per muoversi in maniera totalmente autonoma. Tramite uno smartwatch, l’utente può scendere dall’auto, attivare l’assistente di parcheggio per indirizzare automaticamente l’auto verso uno spazio vuoto, anche in un parcheggio multi piano, e andare per i fatti proprio mentre l’auto cerca un posto, si parcheggia e si chiude da sola.

Se si rivelasse possibile, sarebbe un’incredibile miglioramento nel mondo della guida autonoma, ma voi vi fidereste a lasciare il comando all’auto durante un parcheggio… oppure siete sicuri che ci riuscirebbe meglio di voi?