The Role of Sports in Development: Edson Arantes do Nascimento (Pele), World Cup Soccer Champion and Director, Empresas Pele, Brazil

Fallo di Samsung: Pelé chiede 30 milioni per una pubblicità “non autorizzata”

Cosimo Alfredo Pina -

Cosa hanno in comune il leggendario sportivo brasiliano Pelé e Samsung? Al momento una causa da 30 milioni di dollari. A richiederli è l’ex calciatore che accusa il colosso coreano di aver interrotto le trattative per una campagna pubblicitaria su The New York Times, per ripiegare su un sosia senza il suo permesso.

La pubblicità in questione riguarda le SUHD TV di Samsung ed è stata pubblicata lo scorso ottobre. Nel contenuto, lo trovate a fondo articolo, è riportato un TV curvo che ritrae una scena di calcio sullo sfondo di un ritratto a mezzo di volto di un uomo “che assomiglia molto” a Pelé.

LEGGI ANCHE: L’FBI ha sbloccato l’iPhone di San Bernardino

L’unione questi elementi e il fatto che Pelé dichiara di aver avuto una trattativa con Samsung, ha portato il caso di fronte ad una corte federale di Chicago.

L’obiettivo, spiega il legale di Pelè, sarà quello di ottenere un risarcimento per “l’utilizzo non autorizzato dell’identità”, appunto i 30 milioni di dollari, ed evitare che episodi del genere accadono nuovamente. Samsung per il momento non ha commentato ma vista la cifra in ballo, un bel po’ per una pubblicità, il tutto potrebbe non proseguire con toni troppo amichevoli.

 

 

Via: SamsungFonte: nu.nl
  • Psyco98

    Poverino,gli mancano proprio i soldi che non avrà da quella pubblicità… Anche troppo umile a chiedere 30 milioni: io avrei chiesto 30 miliardi!