cervello aritificiale

L’esercito statunitense vuole collegare il cervello ai computer

Cosimo Alfredo Pina

La DARPA ha da poche ore annunciato un nuovo progetto indirizzato alla creazione di un impianto neurale con cui mettere in diretta comunicazione il cervello con i computer .

Il Neural Engineering System Design (NESD) sarà un chip cibernetico, grande come una zolletta di zucchero e capace di trasdurre i segnali neuronali in codice binario e viceversa, in tempo pressoché reale.

LEGGI ANCHE: Il “padre dei cyborg” si è impiantato un chip nel cervello

Il progetto è appena partito e ci vorrà diverso tempo prima di poter vedere qualche risultato concreto, vista anche la complessità dell’obiettivo. Tuttavia Phillip Alvelda, il manager del programma NESD, si dice pronto ad affrontare la fantascientifica sfida e spiega:

“Ad oggi le migliori interfacce cervello-computer sono paragonabili a due supercomputer che comunicano tra di loro con un modem a 300 baud. Immaginate cosa sarà possibile quando renderemo i nostri strumenti capaci di aprire il canale tra cervello ed elettronica moderna”

In effetti per ora gli strumenti più avanzati a cui abbiamo liberamente accesso sono comandi vocali e touch screen, ma chissà se proprio il lavoro dell’ente militare statunitense sarà la chiave del futuro dell’interazione uomo-macchina.

Via: The Next WebFonte: DARPA
  • Psyco98

    Sarebbe magnifico per gli arti artificiali, che potrebbero essere comandati direttamente dagli impulsi

  • Stefano Jayasuriya

    Ed ecco che il Genere Umano prende la strada verso un futuro alla GiTS

  • Davide Cioffi

    E’ una novità? 😉