chip di memoria fotonoci

I chip di memoria ottici che manderanno in pensione gli SSD

Cosimo Alfredo Pina

Per la prima volta è stato possibile realizzare chip di memoria non volatile totalmente ottici, capaci di immagazzinare i dati in maniera permanente tramite impulsi di luce. Questa scoperta potrebbe essere alla base delle future generazioni di dischi, pronte a soppiantare gli SSD.

Infatti i sistemi attualmente in uso sono suscettibili al riscaldamento, generato dalla resistenza delle varie componenti al flusso di elettroni (corrente), che ne limita le velocità di lettura e scrittura.

Non è la prima volta che vengono realizzati chip fotonici, ovvero che per il trasporto di informazioni utilizzano fotoni piuttosto che elettroni; tuttavia con memorie che presentano natura volatile, ovvero che hanno bisogno di essere alimentate per conservare i dati.

Il gruppo di ricercatori è invece riuscito a creare delle memorie capaci di conservare i dati anche quanto “spente”, proprio come un normale disco rigido o un SSD. Il risultato è stato ottenuto utilizzando un materiale relativamente familiare, il GST.

LEGGI ANCHE: Samsung annuncia nuovi chip a 256-gigabit per SSD sempre più capienti

Il GST è una lega di Germanio, Tellurio ed Antimonio, utilizzata da tempo per CD e DVD riscrivibili; anche il metodo di lettura/scrittura utilizzato in questi chip è simile a quello che si trova nei comuni lettori di dischi, ovvero basato su due laser.

Quello che cambia è invece la struttura e la disposizione dei materiali, che si basa su dei canali ricoperti di nanoparticelle di GST. Il tutto è in una fase decisamente primordiale, ma al contempo molto promettente.

I chip in questione sarebbero già in grado di competere con le controparti basate su semiconduttori sul piano di velocità e consumi mentre il limite più grande sembra quello dell’ingombro.

Per il momento non resta che attendere sviluppi più concreti, anche se il team ha spiegato come grazie a queste memorie, accoppiate con dei chip fotonici per la logica, sarebbe già possibile realizzare dei computer fino a 100 volte più veloci di quelli che usate tutti i giorni.

Via: Engadget
  • Davide Polez

    Finalmente potrò giocare BattleField4 a 8K a 200hz fissi con effetti al massimo. 😀

    • Matteo Bottin

      Probabilmente, per quando usciranno questi dischi, i processori e le schede grafiche saranno talmente evolute che potrai ottenere performance del genere anche con un hdd da 5400rpm xD