Chromecast 2 e Chromecast Audio: la pennina per lo streaming raddoppia, ma non rincara (video)

Nicola Ligas -

A più di due anni dal lancio del primo Chromecast, uno degli accessori più fortunati e popolari mai lanciati da Google, arriva la nuova generazione, che al contrario della precedente punterà in qualche modo anche sul design.

Tre colorazioni diverse: nero, rosso e giallo, ed un nuovo form factor, per adattarsi meglio anche a televisori con le porte molto affollate. Chromecast è adesso circolare, con un cavo HDMI che parte da un lato e si aggancia magneticamente al corpo principale, ma ricordate che sarà necessario anche un secondo cavo USB per l’alimentazione. Ma il nuovo Chromecast non è solo design, ma anche migliori performance, meno buffering, grazie a Fast Play, una funzione che inizia a pre-caricare contenuti prima ancora di premere il pulsante cast, una volta aperta l’app; e finalmente pieno supporto al Wi-Fi 5 GHz, assente nel primo modello.

Chromecast Audio è invece un dispositivo pensato per essere collegato ad i vostri vecchi speaker o sistemi audio, per trasformarli in un istante in dispositivi Google Cast, ai quali inviare facilmente contenuti audio, ad esempio da Play Music, ma da oggi anche Spotify. Non solo, ma potrete inviare anche lo streaming audio del dispositivo Android stesso, utilizzando così audio libri, musica, o qualunque suono venga riprodotto dal vostro Android, o dal tab del vostro browser Chrome su PC. Infine, nel corso dell’anno, Chromecast Audio guadagnerà anche il supporto multiroom, il che significa che acquistando più Chromecast audio e collegandoli a speaker presenti nelle varie stanze, potrete far suonare tutta la casa in accordo ai vostri gusti.

Disponibilità e prezzo – disponibili da oggi sul Google Store per 39€ ciascuno. In linea con il primo Chromecast e con la filosofia di questo tipo di accessori, ovvero di rendere lo streaming di contenuti semplice ed alla portata di tutti (i portafogli).