rubbish-on-beaches-data

Ci sono circa 5mila miliardi di pezzi di plastica nei nostri mari

Lorenzo Fantoni

I ricercatori hanno scoperto che nei nostri mari galleggiano circa cinquemila miliardi di pezzi di plastica, per un peso totale di circa 269.000 tonnellate. Parliamo di circa 700 pezzi di plastica per abitante della Terra.

LEGGI ANCHE: Il campo magnetico terrestre potrebbe invertirsi entro questo secolo

Nella maggior parte dei casi si tratta di plastica derivante dall’impacchettamento del cibo o dei vestiti, materiale che si diffonde in tutto il mondo, generando seri problemi ambientali.

Lo studio si basa su dati raccolti da 24 spedizioni oceanografiche condotte tra il 2007 e il 2013. I ricercatori hanno raccolto plastica da 1571 siti, per poi creare un modello che simulasse la distribuzione di plastica totale. Un modello che, secondo loro, sarebbe molto cauto.

La maggior parte della plastica è di piccole dimensioni, meno di cinque millimetri. Una dimensione che gli permette di entrare nella catena alimentare, visto che viene ingerita dai pesci più piccoli, che poi vengono mangiati da quelli più grandi, che poi finisco sulla nostra tavola. Per quanto riguarda i pezzi più grandi invece, la loro è una minaccia diretta alla vita marina, visto che rischiano di essere ingeriti da tartaruge e pesi più grandi, che poi muoiono soffocati.

Inoltre, la plastica è una sorta di magnete per gli agenti inquinanti oleosi, creando enormi chiazze di olio che a loro volta compromettono l’ambiente e la vita marina.

La ricerca vuole dunque essere un campanello di allarme affinché si attuino politiche più ecologiche sugli imballaggi e perché si cerchi di recuperare almeno parte di questa enorme massa di plastica. Se considerate che a tutto ciò dovete anche aggiungere quella sulle coste e già ingerita dagli organismi, la situazione non è buona.