Samsung conduce (e non di poco) la gara della realtà virtuale con le vendite di Gear VR

Leonardo Banchi -

Dopo vari tentativi mai decollati del tutto, il 2017 potrebbe (o meno) essere l’anno della realtà virtuale, quello in cui i visori entreranno davvero in modo massivo nelle case del grande pubblico. Se succederà, però, sappiamo già chi condurrà questa marcia: sarà Samsung, che con le 782.000 unità vendute di Gear VR primeggia largamente su tutti i principali competitor.

Ad occupare il secondo posto nella classifica dei visori più venduti nel 2017 è il PlayStation VR di Sony, ampiamente staccato e fermo a 375.000 unità. Un po’ a sorpresa, soprattutto per le limitazioni geografiche della sua vendita, il Daydream View di Google, che ha raggiunto le 170.000 unità nonostante sia stato finora possibile aggiudicarselo soltanto negli Stati Uniti, Canada, Germania, Regno Unito e Australia.

LEGGI ANCHE: WebVR diventa compatibile con Google Cardboard e rende la realtà virtuale alla portata di tutti

È tuttavia innegabile che a fare la fortuna di Samsung (e di questi avversari) sia stato però anche il prezzo ridotto dei visori, limitati nelle possibilità e nella scheda tecnica rispetto ad altre alternative ma decisamente più appetibili al grande pubblico. HTC Vive e Oculus Rift, i due principali competitor nella fascia alta, rimangono infatti fuori dal podio rispettivamente con 95.000 e 64.000 unità vendute.

Samsung Gear VR ha inoltre potuto contare sulla più che solida base degli smartphone Galaxy, che oltre a trainare la vendita dei visori con offerte speciali legate al loro acquisto senza dubbio hanno invogliato alcuni loro proprietari ad affacciarsi al mondo della realtà virtuale sfruttando il loro smartphone e una spesa contenuta.

E voi, possedete un visore VR? Il 2017 sarà davvero l’anno della realtà virtuale, e in caso affermativo… chi sarà a guidarne la diffusione?

Via: VRsource