Raspberry PC (2)

Come trasformare un caricabatterie USB in un minuscolo computer Linux (foto)

Leonardo Banchi

La miniaturizzazione è la vostra passione, assieme a quella per l’informatica e l’elettronica? Se la risposta a questa domanda è stata affermativa, non potete fare a meno di osservare questa guida, scritta da Chris Robinson, che vi spiegherà passo dopo passo come creare un piccolo computer Linux, racchiuso in un normale caricabatterie USB.

LEGGI ANCHE: Raspberry Pi 2: sei volte più veloce e prezzo ridotto

L’oggetto in questione è ovviamente reso possibile da Raspberry Pi, un computer composto da una singola scheda elettronica, sulla quale è possibile applicare vari moduli di espansione ed installare un sistema operativo. In questo caso si tratta nello specifico di un ODROID-W, modello pienamente compatibile con le versioni standard ed ulteriormente ottimizzato nelle dimensioni.

raspberry pi

Mettendo alla prova le vostre abilità manuali, seguendo la guida presente su NODE potrete giungere ad includere in un normale caricabatterie USB un minuscolo computer, equipaggiato con il sistema operativo Raspian OS (una distribuzione Linux basata su Debian), che grazie alla possibilità di connettersi alle reti via WiFi potrà essere utilizzato in molti modi, diventando così:

  • Un media server portatile
  • Un allarme con sensore di movimento (combinandolo con un modulo fotocamera)
  • Un tool per verificare vulnerabilità di sistema
  • Un accesso VPN

e molto altro. I possibili utilizzi saranno infatti limitati solo dalla vostra creatività ed abilità, e dalle scelte tecniche che deciderete di operare durante la realizzazione.

Il prezzo dei pezzi necessari alla creazione di questo minuscolo computer Linux si aggira attorno ai 50$: vi lasciamo quindi il link alla guida all’interno della quale troverete tutte le istruzioni, corredate di foto e dettagli per reperire i giusti componenti. Fateci sapere se vi cimenterete in questa o in un’altra delle sfide presenti su NODE, e mostrateci nei commenti i risultati dei vostri lavori!

Via: TheNextWeb