ComputerMemory-ComputerSpeed-memory-personal-computing-personalcomputing-science-speed-t-ray-teraher

Nel futuro avremo PC 1000 volte più veloci grazie alla radiazione Terahertz

Lorenzo Mortai

Uno studio condotto da alcuni ricercatori russi del Mipt (Moscow Institute of Physics and Technology), ha recentemente dimostrato come impiegare le radiazioni con lunghezza d’onda di 0.1 millimetri per modificare lo status magnetico di un materiale, il tutto in un millesimo del tempo richiesto solitamente nelle memorie per PC.

Tutto questo è possibile grazie all’onda T (Terahertz), che è stata utilizzata per incrementare lo switching magnetico che solitamente si utilizza per controllare le celle di memoria in un PC. Grazie all’esperimento si è osservata una modificazione dello status magnetico, da anti-ferromagnetico a ferromagnetico e viceversa) in un millesimo del tempo.

LEGGI ANCHE: Adesso possiamo finalmente ascoltare la musica del computer di Turing

Il passo successivo sarà quello di portare avanti tali esperimenti (che coinvolgono anche molti altri campi tecnologici), e vedere se tale applicazione potrà mai essere veramente inserita all’interno di un computer casalingo, dando vita a macchine mille volte più veloci di quelle attualmente a nostra disposizione.

Fonte: Engadget