dungeons dragons realtà virtuale head

Fantasia e realtà virtuale si incontrano nella nuova versione di Dungeons & Dragons (foto e video)

Leonardo Banchi

La fantasia, si sa, è una capacità priva di limiti per chi è abituato ad utilizzarla. Ciononostante, anche un giocatore di Dungeons & Dragons, ben abituato ad immaginarsi nei panni di orchi ed elfi, ed immerso in avventure fantastiche, non potrà fare a meno di apprezzare un aiuto tecnologico in grado di catapultarlo in modo completamente immersivo in un mondo immaginario: la realtà virtuale.

Dalla collaborazione fra AltspaceVR e la casa editrice del gioco, Wizards of the Coast, è infatti nata una nuova versione del gioco, pensata appositamente per i dispositivi di realtà virtuale, che permetterà anche a chi si è trasferito lontano dai propri compagni di avventure di passare una serata in loro compagnia, ritrovandosi a giocare, invece che nel salotto di casa, in una taverna che sembra uscita da un racconto di J.R.R. Tolkien.

LEGGI ANCHE: HTC Vive, la nostra prova della realtà virtuale in collaborazione con Valve

I giocatori in possesso del dispositivo di realtà virtuale potranno ritrovarsi in una stanza, chattare, chiacchierare fra loro e, naturalmente, dedicarsi al loro gioco preferito sfruttando una ricca strumentazione: sul tavolo al centro della stanza, infatti, saranno disposti un pannello di gioco, delle miniature, e tutto il necessario per una serata dedicata a Dungeons & Dragons.

La strumentazione permetterà di consultare manuali, spostare le miniature per seguire l’azione di gioco, utilizzare una postazione appositamente pensata per i Dungeon Master e, naturalmente, di lanciare i dadi e confidare nella loro benevolenza.

Nella galleria di immagini e nel video che trovate a seguire potete vedere un’anteprima del gioco, ma in attesa del suo rilascio ufficiale vorremmo sapere cosa ne pensano i nostri lettori appassionati di Dungeons & Dragons: vorreste poter utilizzare la realtà virtuale per immergervi ancora di più nelle vostre avventure, o preferite continuare a fare affidamento solo sulla vostra fantasia?

 

Via: TechCrunch