dyson 360 eye

Anche Dyson ha il suo robot aspirapolvere, ma lo fa pagare caro: Dyson 360 Eye (video)

Leonardo Banchi

I robot aspirapolvere sono una delle novità più apprezzate da chiunque desideri avere una casa pulita senza tanto sforzo ma, secondo gli ingegneri di Dyson, nessuno dei modelli attualmente sul mercato poteva garantire una pulizia “a fondo”, raggiungibile invece con un vero e proprio aspirapolvere.

Proprio la volontà di creare un vero aspirapolvere robotico, e non “un robot con un aspirapolvere sopra” ha quindi spinto la famosa azienda a ritardare il lancio del primo esemplare per la pulizia automatica, che arriva sul mercato con molto ritardo rispetto a rivali come Roomba. Dyson 360 Eye, però, promette un grado di pulizia superiore a tutti i propri rivali

LEGGI ANCHE: Roomba 980 – Recensione

Il lavoro dietro a Dyson 360 Eye da parte della casa produttrice si è infatti prolungato a causa dell’insistenza nel voler utilizzare, anche sull’aspirapolvere robot, il sistema Cyclone che ha reso famosa l’azienda. Dato che esso tende a perdere di efficacia con il ridursi delle dimensioni, però, il lavoro di miniaturizzazione ha richiesto particolari accorgimenti, con uno sguardo attento anche all’autonomia, messa duramente alla prova da un sistema di suzione tanto efficiente quanto energivoro.

Se da una parte questo ha comportato qualche compromesso sulle dimensioni (il nuovo Dyson 360 Eye è alto 12 cm, contro i 9 cm di Roomba 980), l’incarnazione “portatile” della tecnologia Cyclone sembra dare i suoi frutti, e riuscire a garantire una pulizia più approfondita di quella portata a termine dai suoi rivali: ovviamente, a patto che non abbiate in casa molti mobili con poca altezza dal pavimento, sotto ai quali il robot non riesce ad entrare.

dyson 360 eye 2

L’ultima caratteristica che distingue Dyson 360 Eye dagli altri robot è poi “l’occhio” dal quale prende il nome, ovvero una videocamera a 360 gradi posizionata al centro del corpo sul lato superiore. La telecamera cattura immagini di mobili, oggetti e strutture attorno al robot, e le utilizza per capire dove si trova tramite un sistema di triangolazione. Questa caratteristica, che attualmente non offre molto di più dei sensori ad infrarossi presenti sugli altri robot, garantirà secondo l’azienda molte evoluzioni future, che potrebbero arrivare semplicemente con aggiornamenti software.

Tutto questo, però, ha un prezzo non proprio economico: Dyson 360 Eye sarà venduto alla cifra di 999 $, più alta di qualunque altra alternativa attualmente presente sul mercato

Via: TheVerge