consigli windows

Ecco tutte le funzioni di Windows che potete disabilitare in sicurezza per aumentare le prestazioni

Cosimo Alfredo Pina -

Se ci leggete da un PC è probabile che il vostro sistema operativo sia Windows. Proprio per la sua larga diffusione, il sistema è progettato per coprire gli utilizzi più svariati e porta con se molte funzioni che potrebbero non essere necessarie a tutti gli utenti. In questa guida andiamo a vedere quali funzioni di Windows possono essere disattivate per aumentare le prestazioni del computer.

LEGGI ANCHE: Mac OS X: sette trucchi e consigli per il sistema operativo Apple

Per prima cosa premete il tasto “Windows” sulla tastiera per aprire il menu (o la schermata) Start e recatevi nel “Pannello di controllo” premendo sulla relativa voce o cercandolo.

consigli windows 1

 

A questo punto, nella finestra aperta, recatevi nel box di ricerca e digitate “disattiva funzionalità”. Dovrebbe apparire un’unica voce denominata “Attiva o disattiva funzionalità di Windows”, cliccateci e si aprirà una finestra con tutte le funzioni aggiuntive di Windows.

consigli windows 2

Precisiamo che disabilitare certe funzioni non è sicuro e potrebbe portare ad instabilità o scarsa usabilità di certe componenti. Ecco quindi una lista che cerca di chiarire cosa indichi ognuna di queste opzioni:

  • .NET Framework 3.5 (include .NET 2.0 e 3.0) – questo componente permette di utilizzare alcuni programmi più vecchi che utilizzano questo componente per funzionare. Non è consigliabile eliminare questo componente, a meno che siate sicuri che i vostri programmi non si appoggino ad esso.
  • .NET Framework 4.5 Advanced Services –  i servizi di questo pacchetto vengono utilizzati soltanto in ambito di sviluppo e ambienti di lavoro complessi. Potete quindi disattivare il pacchetto, con l’accortezza di tenere attivi i serivizi WCF.
  • Active Directory Lightweight Directory Services – a meno che non siate certi di utilizzare questo servizio, solitamente usato in ambienti di sviluppo, potrete disattivarlo senza problemi.
  • Hyper-V – questo componente permette di creare e far girare macchine virtuali, similarmente a programmi come VMware e VirtualBox. Se utilizzate macchine virtuali potete provare questa alternativa che lavora a basso livello per fornire prestazioni elevate.
  • Internet Explorer 11 – rimuovete questa opzione solo se avete installato un browser alternativo.
  • Internet Information Services – se non siete sviluppatori che necessitano di un server web potete disabilitare questa funzione.
  • (HWC) Internet Information Services – un servizio simile al precedente che può essere trattato analogamente.
  • Componenti Legacy (DirectPlay) – a meno che non giochiate a videogame risalenti a prima del 2008 potrete disattivare questo componente.
  • Funzionalità multimediali (Windows Media Player) – se utilizzate riproduttori multimediali di terze parti (consigliato) potete eliminare questo player predefinito.
  • Microsoft Message Queue (MSMQ) Server – questo servizio aiuta nello scambio di messaggi sulle reti poco performanti. Se non siete un’azienda che utilizza questo tipo di serivizio potete disattivarlo.
  • Proiezione rete – attivando questo componente potete utilizzare proiettori video in remoto, quindi se non avete un proiettore potete lasciarlo disabilitato.
  • Servizi di stampa e digitalizzazione – di questi componenti è consigliabile disattivare soltanto il Servizio di stampa LPD e Monitor porta LPR.
  • Connection Manager Administration Kit (CMAK) RAS – a meno che non usiate una VPN aziendale potrete disattivare questo kit senza problemi.
  • Simple Network Management Protocol (SNMP) – utilizzato soltanto in ambito aziendale per compatibilità con vecchie periferiche.
  • Servizi TCP/IP semplificati – una serie di strumenti da utilizzare nella linea di comando, di cui l’utente usuale può fare a meno.
  • Supporto per condivisione file SMB 1.0/CIFS – se il vostro computer è in rete con altri PC che utilizzano versioni di Windows più vecchie di Windows Vista, Linux o Mac OS X allora è meglio che non disattiviate questo servizio.
  • Telnet Client – se non sapete cosa è Telnet (un arcaico sistema di scambio messaggi) allora non vi servirà e potrete disattivare questo componente.
  • Telnet Server – come per il componente precedente.
  • TFTP Client – questa opzione attiva un particolare protocollo per lo scambio di dati che può essere disattivato.
  • Windows Identity Foundation 3.5 – questo particolare componente è utilizzato soltanto in alcune particolari software. Se avete installato Windows 8 e superiori o siete sicuri che i programmi sul vostro PC non utilizzano questa funzione, potete disabilitarla.
  • Localizzatore geografico di Windows – per tutelare la vostra privacy potrete disattivare la localizzazione, ma i programmi che la utilizzano smetteranno di funzionare correttamente.
  • Windows Powershell 2.0 – uno strumento che permette di automatizzare attività. Se non lo usate potete eliminarlo.
  • Servizio attivazione processo Windows – uno strumento per gli sviluppatori, che può essere disattivato dagli utenti che non lo utilizzano.
  • Client cartelle di lavoro – se il vostro PC è collegato ad una rete aziendale è meglio che questo servizio rimanga attivo.
  • Servizi XPS – i file .xps sono un’alternativa ai .pdf, ma se non avete mai avuto a che fare con questi file potete disattivare il relativo servizio.
  • Visualizzatore XPS – come per il precedente punto.

Le opzioni disponibili cambiano con la versione di Windows installata, disattivate quindi solo quelle di cui siete sicuri e ricordate che in caso di problemi potrete tornare nella stessa schermata e riattivare le voci rimosse.

 

Via