elon musk simpson

Elon Musk risponde a Lisa Simpson riguardo al razzo elettrico

Leonardo Banchi -

Il visionario Elon Musk, fondatore e CEO di Tesla Motors e creatore del progetto SpaceX, è stato di recente ospite dei Simpson: nell’episodio trasmesso ieri negli Stati Uniti l’inventore, a corto di idee, raggiunge la cittadina di Springfield, facendo amicizia con Homer e rivoluzionando la centrale nucleare.

LEGGI ANCHE: L’atterraggio del razzo Falcon 9 su una chiatta si è concluso con un “ottimistico fallimento”

Come è solito in questi casi, però, neanche a Elon Musk è stata risparmiata la satira tipica del cartone animato, espressa stavolta attraverso le parole di Lisa Simpson, che rivolgendosi all’inventore afferma: “Per essere un uomo che ama le macchine elettriche, egli brucia decisamente un sacco di carburante per razzi!”, sottolineando l’apparente contraddizione fra le due società capeggiate da Elon Musk.

La risposta dell’inventore, nel mondo reale, non si è però fatta attendere. Attraverso Twitter, infatti, Musk ha fugato in modo piuttosto lapidario tutte le possibili interpretazioni: “Se avete visto i Simpson ieri“, ha affermato, “e vi state chiedendo perché la SpaceX non utilizzi un razzo elettrico per raggiungere l’orbita, è perché questo sarebbe impossibile”.

Il colpevole, ha specificato poi in un altro tweet, è nientemeno che il terzo principio della dinamica di Newton: poiché nel vuoto non c’è niente contro il quale “spingere”, infatti, è necessario che la reazione avvenga contro della massa espulsa dal razzo, cosa non consentita dai propulsori ionici, che hanno una forza troppo piccola.

Musk ha infine richiamato l’attenzione sull’ascensore spaziale, di cui si è molto parlato nell’ultimo periodo: benché interessante, anche tale progetto è attualmente irrealizzabile, poiché il suo funzionamento è vincolato alla costruzione di nanotubi di carbonio di dimensioni ben superiori a quelli esistenti al momento.

VIA: TheVerge