fermata bus smart

Ericsson presenta la fermata del bus smart e connessa

Cosimo Alfredo Pina

In occasione della UITP World Congress and Exhibition, Ericsson ha presentato la sua soluzione per rendere smart anche le fermate del bus. Le tecnologie su cui si basano queste infrastrutture sono quelle in comune con il mondo mobile, ovvero Wi-Fi, 3G ed LTE, da cui, secondo Ericsson, gli operatori del trasporto possono sviluppare una notevole rete di servizi.

Nell’idea dell’azienda leader nel settore delle telecomunicazioni, la fermata del bus tecnologica integra diverse funzionalità come pannelli touch, con mappe e notizie, videocamere di sicurezza, pulsanti di emergenza e funzionalità push-to-talk.

LEGGI ANCHE: Anche SpaceX punta ad internet: satelliti per la connessione globale

Oltre alle funzionalità indirizzate all’utente-passeggero, le fermate di Ericsson sono pensate per portare beneficio anche alle società di trasporto, che potranno usare queste infrastrutture come piccoli ripetitori per la rete UMTS, da mettere a disposizione del miglior offerente.

Difficile dire se e quando queste fermate arriveranno nelle nostre città, tuttavia questo prototipo mostrato da Ericsson è senz’altro un buon esempio di come sia possibile ottimizzare uno spazio pubblico per diffondere, almeno in città, efficacemente tecnologie e servizi.

Ericsson svela la fermata del bus connessa e altre innovazioni per il trasporto pubblico all’UITP di Milano

La fermata del bus connessa include una connessione 3G, LTE o Wi-Fi, che fornisce agli operatori del trasporto pubblico un’ulteriore fonte di reddito

Le fermate supportano anche funzionalità specifiche per i passeggeri come informazioni in tempo reale sugli spostamenti degli  autobus, mappe interattive, notizie locali e informazioni per i turisti

Tra gli altri concept e offerte commerciali presentati durante l’evento ci sono le Small Cell as Service, il Connected Traffic Cloud e Mobility as Service

All’UITP World Congress and Exhibition, l’evento dedicato ai trasporti più grande del mondo in programma a Milano dall’8 al 10 giugno, Ericsson presenterà un concept per connettere le fermate degli autobus dotandole di tecnologie small cell 3G, LTE o WiFi. L’infrastruttura small cell della fermata del bus connessa offrirà agli operatori del trasporto pubblico un’ulteriore fonte di reddito, poiché può essere sfruttata dagli operatori di telecomunicazioni per densificare le proprie reti. Oltre all’accesso a una connessione a banda larga, la pensilina connessa supporterà funzionalità particolarmente utili per i passeggeri.

Tra queste, schermi che mostrano in tempo reale informazioni sul tragitto e pannelli touch-screen con i quali accedere a mappe interattive, notizie, informazioni per turisti e pubblicità. Inoltre, una telecamera a circuito chiuso (CCTV), pulsanti di emergenza e funzionalità push-to-talk possono essere incorporate per migliorare la sicurezza e rendere più semplice ai passeggeri contattare servizi d’emergenza e polizia.

Nelle aree urbane ad alta densità come ad esempio i quartieri dello shopping, aree industriali, i centri per l’intrattenimento, la capacità della rete è limitata, non riuscendo a garantire alte velocità di downlink. La fermata del bus connessa – un’applicazione del tipo Small Cell as Service lanciata da Ericsson nel 2014 – rispondono a questa necessità  creando una rete di accesso alla small cell separata, integrata con le reti degli operatori di telecomunicazioni. Ericsson offre tecnologia e servizi collaterali in partnership con gli operatori dei trasporti e gli operatori di rete per le telecomunicazioni locali.

Orvar Hurtig, Head of Industry & Society di Ericsson, afferma: “Ericsson opera nel campo delle infrastrutture e servizi  ICT per strade, ferrovie e trasporti pubblici grazie al suo ampio portfolio di soluzioni per le telecomunicazioni. All’UITP, dimostreremo sia concept che offerte commerciali in grado di migliorare il settore del trasporto pubblico sia per gli operatori che per gli utenti finali.”

Oltre al prototipo delle fermate del bus connesse, Ericsson presenterà:

Small Cell as a Service – un metodo consolidato per accrescere e condividere connettività di rete in ambienti in cui non è possibile aggiungere ulteriori macro celle alle reti degli operatori.

Connected Traffic Cloud – un concept basato su cloud che consente di condividere informazioni sul traffico e condizioni del tragitto in tempo reale tra i veicoli connessi e le autorità responsabili della viabilità.

Mobility as a Service – un servizio che facilita i trasporti multi-modali e grazie al quale varie modalità di trasporto pubblico e privato possono essere combinate e e-ticket possono essere salvati sul proprio smartphone.