google-chrysler-fiat-3-c-mario-herger

Le prime Google Car a guida autonoma targate Fiat sono state avvistate in un garage (foto)

Leonardo Banchi

Non sono passati neanche sei mesi da quando, nello scorso Maggio, Google e Fiat Chrysler Automobiles (FCA) hanno annunciato un accordo che avrebbe portato il marchio italo-americano a produrre i prossimi veicoli a guida autonoma per Google, e già si vedono i risultati: nei giorni scorsi delle Chrysler Pacifica equipaggiate con inconfondibili sensori sono infatti state avvistate in un garage di San Francisco.

I minivan, ai quali Google ha già aggiunto le proprie fotocamere e i sensori LIDAR sul tettuccio, sembrano dalle prime immagini già un passo avanti rispetto alle Lexus che siamo stati abituati a vedere finora: il sistema per la guida autonoma è infatti molto meno evidente che nei modelli precedenti, caratteristica che potrebbe rendere il veicolo finalmente adatto per un vero servizio al pubblico.

LEGGI ANCHE: Serio incidente per l’auto di Google

Non si può fare a meno di pensare, infatti, a come la prima dozzina di Chrysler Pacifica a guida autonoma arrivi poco dopo l’annuncio di un servizio di Carpooling, gestito da Waze proprio a San Francisco: che Big G abbia intenzione di rispondere all’attacco di NuTonomy e di Uber, entrambi impegnati nella realizzazione di un servizio di taxi a guida autonoma?

La flotta di auto, per ora ferma a poco più di una decina di Pacifica, si espanderà in gran misura nel prossimo periodo, fino ad arrivare ad un centinaio di prototipi. Un’aggiunta decisamente troppo consistente (attualmente si contano 24 Lexus e 34 prototipi disegnati da Google, sparsi in quattro diverse città) per rappresentare soltanto la naturale evoluzione delle sperimentazioni di Google nel campo della guida autonoma.

Via: TheVerge