auto a guida autonoma self driving ford

Un’auto self-driving senza pedali e volante entro il 2021: ecco la promessa di Ford

Cosimo Alfredo Pina

Il 2021 non è poi così lontano eppure Ford promette, con un annuncio ufficiale, che entro questa scadenza sarà pronta con le sue auto totalmente capaci di guidarsi da sole, così ben funzionanti da non necessitare di comandi manuali, nemmeno volante e pedali.

I veicoli saranno pensati per flotte dedicate a servizi di ride sharing da inserire nell’ambito urbano come integrazione smart (e sospettiamo ben più costosa) dei convenzionali mezzi pubblici. Per arrivare a questo obiettivo, lo si sapeva già da tempo, Ford sta lavorando con e contribuendo a molte realtà specializzate nella tecnologia self-driving, come Velodyne specializzata in sistemi LIDAR, gli scanner laser che raccolgono informazioni sulla posizione delle cose che circondano l’auto.

LEGGI ANCHE: Le self-driving di Ford hanno un occhio laser per vederci al buio 

Oltre a queste partnership è previsto che il centro di ricerca di Palo Alto di Ford raddoppi in termini di forza lavoro. Il mezzo finale rispetterà lo standard americano SAE Livello 4, ovvero di veicoli sì autonomi ma pensati per spostarsi solo in aree o lungo tragitti ben definiti. Questo semplifica non di poco le cose, visto che la raccolta di dati la programmazione del conducente virtuale sarà contestualizzata.

Restano comunque le sfide legate al numero gigantesco di variabili che coinvolgono la strada e anche quelle inevitabili degli iter burocratici, cosa per cui sarebbe nata la collaborazione tra Ford, Google e Uber giusto qualche mese fa.

Nonostante l’unione di sforzi le aziende citate, e anche qualche altro produttore (Tesla per primo), restano senz’altro i rivali più pericolosi per Ford nel campo della tecnologia self-driving e più volte il 2021 è stato indicato come anno in cui le auto che si guidano da sole faranno il debutto vero e proprio sulle strade.

Vedremo nei prossimi anni come questo panorama ancora in piena crescita si evolverà e chi arriverà per primo con una soluzione che sia sufficientemente sicura da rimpiazzare un conducente in carne ed ossa, anche nelle condizioni più complicate.