Albert Einstein

Gli scritti di Albert Einstein disponibili gratuitamente per tutti

Leonardo Banchi -

La sapienza e la genialità di una persona come Albert Einstein non si misura soltanto dagli scritti “ufficiali”, come libri e pubblicazioni: assieme ad essi, per studiare ogni aspetto della personalità del brillante fisico, sarebbe bene poter esaminare i numerosissimi scritti che, durante la propria vita, sono stati partoriti dalle sue mani.

Fortunatamente, tutto questo è possibile grazie a Digital Einstein: un eccellente sito, curato dall’università di Princeton, nel quale sono disponibili, del tutto gratuitamente, tutte le lettere, corrispondenze, cartoline ed appunti creati da uno dei pensatori più illustri della nostra storia.

LEGGI ANCHE: Il Bosone di Higgs potrebbe distruggere l’universo

Il sito contiene infatti ogni tipo di scritto, a partire dalle lettere spedite nel 1923, ancora in tedesco, lingua madre dello scienziato, disponibili però sia nella loro forma originale che in una traduzione in inglese.

L’aspetto più interessante di questo incredibile “tesoro svelato” è che fra di essi non si trovano solo trattati di scienza e fisica, incomprensibili alla maggior parte dei lettori, ma anche moltissime lettere relative alla vita privata dello scienziato, come documenti per il divorzio e missive personali, scambiate con normali persone o con altre eminenze della scienza come Marie Curie.

Sorprendentemente, i 5.000 documenti disponibili costituiscono comunque soltanto una parte degli scritti di Einstein: l’intera opera copre infatti 13 volumi, sui 30 che si prevedono alla fine, del lavoro di digitalizzazione di tutti gli scritti dello scienziato effettuata dalla Caltech all’interno dell’Einstein Papers Project.

Tutti gli interessati, quindi, sono invitati a tuffarsi nella lettura con celerità, poiché per anni (sempre a due anni di distanza dalla pubblicazione cartacea), l’elenco continuerà ad arricchirsi di nuovi scritti, fino a coprire tutta la personalità dello scienziato ricordato per aver rivoluzionato la moderna concezione della fisica.

VIA: Gizmodo