googleplex google final

Nessuno al mondo odia Google più di quest’uomo

Cosimo Alfredo Pina

Quanto si può odiare Google? Basandosi sugli elementi che circondano la storia di Raul Murillo Diaz decisamente molto. Il trentenne avrebbe più volte assaltato la sede di Google, danneggiando gli edifici del Googleplex e alcune auto per Street View e, forse, a guida autonoma. Raul Murillo Diaz è stato arrestato lo scorso 30 giugno, quando è stato trovato nelle prossimità del Googleplex in possesso di una custodia per armi e di una rudimentale bomba artigianale.

Al momento dell’arresto Diaz ha dichiarato che secondo lui “Google lo stava osservando” e la cosa lo turbava così tanto che avrebbe anche scritto su un registro tutte le volte che Google lo avrebbe spiato.

Dopo l’arresto la situazione per Diaz si è aggravata, visto che l’autorità federale l’ha accusato anche di incendio doloso. Il caso del 30 giugno non sarebbe isolato; lo scorso 19 maggio dei dipendenti Google hanno infatti visto Diaz scagliare due Molotov in direzione di un’auto per Street View parcheggiata di fronte al Googleplex. Gli agenti intervenuti non hanno riscontrato danni alle auto ma in prossimità vi hanno trovato vetri rotti e segni di bruciatura.

LEGGI ANCHE: Google in cerca di “vendetta” per le dichiarazioni di Oracle

Per questo adesso si trova in custodia senza cauzione e la polizia sta indagando su altri fatti probabilmente collegati all’uomo, come quelli del 4 giugno scorso quando sono stati rinvenuti vetri rotti e finestre forate (presumibilmente da colpi di arma da fuoco).

Sia in questo caso che in quello del 19 maggio le telecamere di sorveglianza di Google avrebbero ripreso il SUV di Diaz, mentre lo scorso 10 giugno sarebbe stato visto aggirarsi con una pistola ad acqua riempita di liquido infiammabile poco prima che arrivasse una chiamata ai soccorsi per un’auto a guida autonoma in fiamme (cosa non confermata da Google, anche se in effetti in quella circostanza un veicolo è andato a fuoco). Una questione delicata e non ancora definita,  che ovviamente starà all’autorità giudicare.

Via: 9to5GoogleFonte: Mercury News
  • GattoMorbido

    Il suo quarto d’ora di fama l’ha raggiunto.

    • TheAlabek

      Ora gli restano gli anni di pena