google guida autonoma riconosce bici 2

Le auto a guida autonoma di Google hanno imparato a riconoscere i ciclisti

Leonardo Banchi

Fra gli ostacoli più grandi di fronte alle auto a guida autonoma di Google c’è probabilmente la necessità di riconoscere, durante la marcia in strada, non solo le altre auto, i camion e altri mezzi, ma anche occupanti della carreggiata più piccoli e meno in vista, come ad esempio i ciclisti.

L’ultimo rapporto sugli sviluppi delle auto, pubblicato da Google con cadenza mensile, evidenzia però notevoli passi in avanti proprio in questa direzione: utilizzando il sistema LIDAR ed altri sensori presenti all’interno dell’auto, il sistema di guida autonoma è infatti in grado di riconoscere ciclisti presenti in ogni direzione, ed è programmato guidare con maggiore prudenza in loro vicinanza, aumentando la distanza di sicurezza ed evitando ogni tentativo di sorpasso quando il ciclista occupa per intero la carreggiata.

LEGGI ANCHE: C’era un lettore DVD nella Tesla con Autopilot coinvolta nell’incidete mortale

Le auto di Google trattano ogni ciclista come un’entità unica, ed utilizzano algoritmi estremamente sofisticati per tentare di predire la direzione che verrà intrapresa: in aggiunta, il sistema è in grado anche di riconoscere ed interpretare segnalazioni effettuate dai ciclisti con le mani, e di aggiungere il dato rilevato a quelli già in suo possesso per affinare le proprie previsioni.

Google ha ovviamente messo a dura prova le proprie auto e i loro sistemi di sicurezza, anche arrivando a stressarle con l’aiuto di molti propri dipendenti, che con le proprie biciclette hanno fatto di tutto per mettere in difficoltà il sistema (come potete vedere nella foto sotto). Una mossa forse esagerata, ma che sarà sicuramente apprezzata da tutti i ciclisti che, un domani, si troveranno sulla stessa via di un’auto a guida autonoma.

google guida autonoma riconosce bici

Via: TechCrunchFonte: https://static.googleusercontent.com/media/www.google.com/en//selfdrivingcar/files/reports/report-0616.pdf