Lenovo e Yi presentano novità per Daydream e non solo: visore VR, fotocamere 3D e occhiali smart (foto e video)

Vezio Ceniccola -

Il CES 2018 è stato il palcoscenico prescelto per la presentazione dei nuovi prodotti Lenovo e Yi dedicati alla piattaforma Daydream di Google. In particolare, l’azienda cinese produttrice anche di laptop e monitor professionali ha portato diverse novità alla fiera americana, inclusi un visore VR, un’innovativa fotocamera 3D e un nuovo prototipo di occhiali smart.

Lenovo Mirage Solo

Le soluzioni all-in-one stanno via via prendendo piede anche per quanto riguarda i visore dedicati alla realtà virtuale. È questo il caso del nuovo Mirage Solo, un dispositivo che contiene al suo interno tutto l’hardware necessario per l’esperienza VR e non necessita di essere collegato ad altre unità esterne per il funzionamento, evitando la scocciatura di avere cavi penzolanti o smartphone montati sulla parte frontale.

Il visore standalone di Lenovo supporta tutti i servizi della piattaforma Daydream e integra diverse tecnologie sviluppate dall’azienda, come la nuova WorldSense: grazie alle due fotocamere piazzate sulla parte frontale, questa tecnologia permette un motion-tracking preciso ed immersivo, rilevando i movimenti dell’utente che indossa il visore e gli spostamenti nello spazio circostante.

A livello tecnico parliamo di un hardware da top gamma: SoC Snapdragon 835, 4 GB di RAM, 64 GB di memoria interna UFS – espandibili tramite microSD – e batteria da 4.000 mAh, che dovrebbe consentire fino a 7 ore di autonomia. Il display LCD interno ha una diagonale da 5,5 pollici e un campo visivo di 110°, mentre la risoluzione è QHD (2.560 x 1.440 pixel). Inoltre, tutti i comandi sono controllabili tramite l’apposito telecomando in dotazione, simile a quello standard di Daydream.

La disponibilità del nuovo Mirage Solo inizierà a partire dal Q2 2018, ma per adesso non sappiamo quali mercati riguarderà e, soprattutto, non è stato ancora rivelato un prezzo ufficiale.

Lenovo Mirage Camera e Yi Horizon VR180

Le nuove fotocamere di Lenovo e Yi rendono semplice e veloce la cattura di immagini e video in 3D con un ampio campo visivo a 180°, contenuti perfetti per essere visualizzati in realtà virtuale, magari proprio con il Mirage Solo sopracitato. Si tratta di due piccoli dispositivi point-and-shoot, con pochi pulsanti e modalità di funzionamento, utili soprattutto a coloro che vogliono scattare senza complicarsi troppo la vita con troppe impostazioni o controlli avanzati.

Mirage Camera presenta due ottiche fish-eye con sensori da 13 MP e campo visivo di 180° e monta al suo interno un SoC Snapdragon 626, 2 GB di RAM, 16 GB di memoria interna espandibile, batteria da 2.200 mAh e supporto Wi-Fi e LTE.

Più misterioso l’hardware di Yi Horizon VR180, che secondo il produttore sarebbe in grado di realizzare foto e video a risoluzione 5,7K e 30 fps. Inoltre, sulla parte posteriore c’è anche un piccolo display da 2,2 pollici orientabile a risoluzione 640 x 360, che permette di vedere cosa stiamo riprendendo.

Entrambi i modelli supportano il nuovo standard VR180 di Google, che rende compatibili i contenuti prodotti con Daydream, Cardboard, TouTube, Google Foto ed altri servizi. Le immagini e i video possono essere visualizzate sia in 2D che in 3D a seconda del dispositivo utilizzando per la riproduzione. Inoltre, è possibile effettuare anche dirette streaming su YouTube Live, trasmettendo direttamente dalla fotocamera o sfruttando la companion app VR180.

Anche in questo caso mancano le informazioni sui prezzi di listino, ma le due fotocamere di Lenovo e Yi dovrebbero arrivare su alcuni mercati selezionati entro il Q2 2018.

LEGGI ANCHE: Sui PC DELL in arrivo nuove integrazioni

Lenovo New Glass C220

Siamo arrivati al dispositivo più strano della nuova gamma Lenovo. Vedendoli da lontano, questi nuovi Glass C220 sembrano molto somiglianti ai leggendari Google Glass, ma studiandoli più da vicino ci si accorge delle molte differenze, anche e soprattutto a livello concettuale.

Questi nuovi occhiali intelligenti sono progettati per il mondo professionale e contengono al loro interno innovativi sistemi per l’intelligenza artificiale e la realtà aumentata. Sono costituiti da due unità, Glass e Pocket, e permettono il riconoscimento automatico di oggetti e testi, inquadrabili con la relativa fotocamera frontale.

L’unità Glass integra un sistema Android, mentre quella Pocket è collegabile allo smartphone e consente di accedere ad altre funzionalità. Utilizzando questo sistema integrato è possibile collaborare in tempo reale con i propri colleghi, raccogliere dati, operare da remoto e ottenere istruzioni passo passo visualizzabili a schermo, sempre tenendo le mani libere.

Inoltre, il dispositivo presenta funzioni antirumore, capacità di calcolo mobile ed personalizzabile tramite mod. Nessuna informazione riguardo a prezzo e disponibilità sul mercato, ma ne sapremo di più nei prossimi mesi.

Via: Engadget, Gadgets NDTVFonte: Google