Google ha insegnato alla sua IA ad ingrandire le immagini senza sgranarle (foto)

Cosimo Alfredo Pina -

Se avete mai provato a ridimensionare o zoomare un’immagine oltre un certo limite, vi sarete accorti di come i risultati siano tutt’altro che soddisfacenti, sgranati o pieni di artefatti. Google sta per cambiare le carte in tavola in questo settore con RAISR ovvero Rapid and Accurate Image Super-Resolution.

Si tratta di una tecnologia basata su intelligenze artificiali e machine learning, un po’ come la tanti altri sistemi legati a servizi e feature moderne. Quello che ha fatto il team di ricerca Google è infatti dare in pasto un gran numero di immagini a bassa risoluzione e poi la loro versione ingrandita ad una IA, in modo che “imparasse” a ridimensionare in maniera del tutto simile a quanto accade con i normali filtri lineari (quelli dei comuni programmi).

LEGGI ANCHE: Google vuole mettere la sua IA alla guida di uno sciame Zerg

Così il RAISR si è dimostrato capace di ingrandire le immagini, con il vantaggio di farlo tra le 10 e le 100 volte più velocemente rispetto ai metodi convenzionali. Il passo successivo è stato quello di affinare il sistema arricchendolo con diversi tipi di filtri di miglioramento.

Il risultato è che RAISR, nelle prime prove sintetiche, si è dimostrato ben più veloce dei normali metodi, tanto da poter essere impiegato in tempo reale (es. pinch to zoom), e con immagini finali decisamente migliori in termini qualitativi – date un’occhiata agli esempi nella galleria qui sotto. Non vediamo quindi l’ora che questo tipo di sistemi venga implementato al più presto, magari nel prossimo aggiornamento di Google Foto.

Fonte: Google