Secondo Google, questa che fa Home non è pubblicità: giudicatelo voi!

Nicola Ligas

Si è consumata una piccola telenovela nelle ultime ore negli USA, in seguito a numerose segnalazioni di pubblicità all’interno di Google Home. Per chi non lo conoscesse, Google Home è una sorta di maggiordomo virtuale: gli chiedete che tempo fa, e lui ve lo dice, gli chiedete gli appuntamenti del giorno, e lui ve li elenca, ecc. ecc. E poi, ad un certo punto, senza essere interpellato, in mezzo alle altre informazioni vi fa anche sapere che è in arrivo La Bella e la Bestia di Disney. Guardare per credere:

Come avrete sentito, l’avviso relativo a The Beauty and The Beast è stato inserito in mezzo a tutto il resto, preceduto da un semplice by the way. Sembra quindi di trovarsi di fronte ad una pubblicità bella e buona, per di più mal mascherata, ma Google ha smentito che di questo si tratti, affermando che non ci sia stato alcuno scambio di denaro con Disney.

LEGGI ANCHE: Recensione Google Home

L’avviso farebbe semplicemente parte della funzione “My Day” di Google Home, che di quando in quando può invitare i partner di Google a farne parte per condividere i loro contenuti. Si tratta insomma di un esperimento per capire quali tipi di contenuti unici possano interessare al pubblico, ma anche Google non ha avuto difficoltà ad ammettere che in questo caso “avrebbero potuto fare meglio”. La “pubblicità” è infatti stata rimossa, dopo una piccola ventata di polemiche e per ora l’incidente è da considerarsi chiuso.

Se da una parte è quindi auspicabile che Google Home possa fornire informazioni aggiuntive, e non per forza di cose un mero elenco della nostra agenda, dall’altra è anche vero che Google dovrà fare più attenzione al posizionamento ed al tipo di questi contenuti, o sarà facile scambiarli per qualcos’altro.

Via: Venturebeat
  • Odino

    Titolo scritto con i piedi. Anzi, con le ciabatte.

    • e l’errore sarebbe?

  • carlo

    se l’account google associato a quella google home avesse in passato cercato notizie su la bella e la bestia non sarebbe pubblicità, sarebbe un ricordare qualcosa di interessante, se…

    • è successo a tante persone diverse, e Google stesso ha detto che era voluto, ma che non fosse comunque pubblicità

      • carlo

        google dice tante cose, molte per solleticare e tenere fedele lo zoccolo dei fan, e poi nei fatti fa l’esatto opposto. come scrivevo sopra, se non ho mai cercato informazioni su la bella e la bestia o sui film disney quella è pubblicità che che ne dica google, se in passato ho cercato info su questo tema quel tipo di risposte ricade nell’ombrello dei contenuti proposti da google now/assistant/home, sono e rimangono pubblicità visto che si parla di partner e non di notizie prese dal web ma in questo caso sono accettabili.

        • infatti concordo con te che sia comunque pubblicità, soprattutto perché il contenuto viene presentato praticamente in forma di spot

          • carlo

            Esatto, altra nota dolente è la forma. Stavolta sono stati molto poco furbi.

  • _aLex5k8

    Il business di Google è vendere pubblicità, però una roba così invasiva, su qualcosa che hai pagato, non va bene.

  • Okazuma

    Sì sta davvero esagerando.
    Cmq, come dice qualcun’altro, bisogna vedere che ricerche sono state fatte ma per come viene presentata la cosa, è una pubblicità bella e buona.
    A me compare la card in Now di “John Wick e La Bella e la Bestia ora nelle sale” perché ho cercato più volte info su questi titoli.
    Per rendere la cosa meno losca potrebbero far dire all’assistente :” Ci sono nuove uscite bei cinema vicino a te, voi conoscerle?”

    • danitkd93

      ahahahahahah, quindi l’assistente ti dovrebbe informare quando escono delle “bei cinema” vicino a te per fartele conoscere?! l’assistent non si chiama mica Maria de Filippi!!

      • e perché non dovrebbe? Se hai espresso interesse nel cinema, è più che logico invece che lo faccia, basta che non inizi a proporti cose a caso perché sponsorizzate

      • Okazuma

        Non ho capito il tuo commento è cosa c’entri Maria de Filippi.
        Se l’assistente mi aggiornasse automaticamente sui film in programmazione nelle sale vicino a me, non mi lamentare più di tanto.
        Basta che non diventi uno spot per questo o quel film

        • danitkd93

          avevi scritto “bei cinema”. ora hai corretto.

  • danitkd93

    basterebbe semplicemente che ogni tanto google ti chieda, “vuoi che ti tenga aggiornato sulle prossime uscite cinematografiche?”

  • Luca

    Ricerche precedenti o meno per me quella è pubblicità.

  • Tiwi

    insomma, un assistente che ti ricorda tutti gli appuntamenti della giornata, mettendoci anche una bella “non” pubblicità XD

  • Federico Bassan

    oltretutto discutibili gusti cinematografici……