Google IO 2016

Tutte le novità del Google I/O in un unico articolo

Nicola Ligas -

Il Google I/O 2016 si è da poco concluso, dopo averci tenuto compagnia con tre giornate dense di novità, centellinate saggiamente durante tutta la durata dell’evento. Considerando quindi la mole di news, dispositivi e idee di cui si è parlato, abbiamo pensato di ricapitolare tutto in un unico articolo, in modo da darvi un quadro d’insieme completo, da consultare con calma, anche in futuro.

Google I/O 2016: Android

Android-N-tutti-dispositivi

Android è stato al centro della scena, in particolare con l’annuncio delle principali novità di Android N (qui la nostra prova della terza developer preview). Ci sono anche tanti nuovi box con Android TV. Non dimenticatevi nemmeno di Android Wear 2.0, un major update che arriverà in autunno, e che in pratica sarà Android N per dispositivi indossabili. Ci sono però anche tante novità per sviluppatori, che meritano senz’altro attenzione, e soprattutto c’è la promessa di Google Assistant, ovvero un Google Now sempre più potente e capace di dialogare con noi, sul quale è basato anche Google Home (vedi domotica). Da ultimo, ma non meno importante, ci saranno le Instant App, le app Android che potrete provare senza installarle e che saranno eseguite “al volo”, compatibile da Jelly Bean in poi. Qui sotto trovate gli articoli principali.

Google I/O 2016: realtà virtuale

Daydream design final

La realtà virtuale, come già detto, è stata al centro dell’attenzione di Google, con la presentazione di Daydream, che è sì basato su Android N, ma che è ben più di un semplice software, quanto piuttosto un’intera piattaforma di sviluppo con un visore che deve rispettare delle precise specifiche e che sarà realizzato sia da Google che dai propri partner. In mezzo a tutto questo c’è poi Project Tango, un progetto un po’ borderline, basato anch’esso su Android ma comunque molto particolare, grazie alle sue doti di mappatura dell’ambiente circostante, che si sposano sia con gli smartphone tradizionali che con la realtà virtuale / aumentata.

Google I/O 2016: domotica

Google Home_1

La domotica ha un solo nome al Google I/O 2016: Google Home. A vederlo sembra uno speaker, ma pensate invece a lui come ad un maggiordomo intelligente. Voi parlate e lui esegue, grazie alla potenza del Google Assistant: accende le luci, decide in che stanza riprodurre la musica, vi fornisce informazioni, prenota aerei e ristoranti, e tanto altro. Però, mi raccomando, non ditelo ad Amazon.

Google I/O 2016: Project Ara

Project-Ara-Google-IO-

Il ritorno sul palco di Project Ara era molto atteso, ma attenzione a gioire troppo. Tutto ciò che abbiamo visto è un video particolarmente ispirato, come del resto lo erano anche i precedenti, e qualche nuova foto dello smartphone modulare, che dovrebbe arrivare per sviluppatori a fine anno ed in commercio dal prossimo. Vi ricordiamo solo che un primo lancio pilota era atteso per lo scorso settembre a Porto Rico e poi non se n’è fatto nulla (vi consigliamo di leggere questo approfondimento sulla storia di Project Ara), pertanto ci vuole un minimo di scetticismo nell’accostarsi alle promesse date di Project Ara.

Google I/O 2016: messaggistica

Google-Allo

La messaggistica: l’eterno tassello irrisolto di Google. Che oggi si arricchisce di un nuovo tassello: Allo e Duo. La prima è un’app per chat “evolute”, che sfrutta Google Assistant e altri servizi (ricerca, YouTube, ecc.) per mettervi a disposizione tante funzioni diverse senza nemmeno dover lasciare l’app. Duo invece è un’app per video chiamate che vi farà vedere il vostro interlocutore prima ancora che questo risponda. “Stalkeristico”, vero? Ah, e non pensiate di liberarvi di Hangouts tanto facilmente…

Google I/O 2016: Chrome OS

Chrome-OS-app-Android

Il Play Store arriverà su Chrome OS. Questa è senz’altro la novità principale in materia di Chrome OS. Abbiamo già raccolto in un solo articolo i modelli che riceveranno le app Android e le modalità di diffusione, pertanto è lì che vi rimandiamo.

Google I/O 2016: wearable

project Jacquard giacca levi s

Vi ricordate di Project Jacquard e Project Soli? Stanno andando avanti, ma anche in questo caso le tempistiche indicate in precedenza (e quindi anche quelle di oggi) non è che vadano prese proprio alla lettera. Però le novità annunciate sembrano davvero interessanti.

Google I/O 2016: curiosità

Un evento come questo è anche il momento buono per dare un po’ di numeri sull’andamento dei propri prodotti, e Google non ha certo perso tempo (qui trovate un piccolo sunto), e se siete curiosi di sapere che regalo hanno ricevuto i presenti, è a quest’altro articolo che vi rimandiamo (spoiler: forse non sarete troppo invidiosi, quest’anno).

  • Wolfenstein

    Ma Google Camera quando si aggiorna?
    Io ho il Nexus 6p e l’app è scarnissima. Nulla da dire sulle foto, sono rimasto soddisfattissimo

    • con calma, google style

    • Daddario

      Anche io ho Nexus 6P. Di giorno HDR+ ma per le foto in notturna ti consiglio manual camera, se sai giocare con tempi di esposizione lunghi e ISO bassi non te ne pentirai!