project-tango-final

Google come Microsoft: l’obiettivo a lungo termine è la realtà aumentata

Cosimo Alfredo Pina

Sappiamo già che Google ha una divisione dedicata alla realtà virtuale, che forse lancierà un nuovo Cardboard al prossimo Google I/O ma che comunque sta lavorando fortemente per spingere su Project Tango, il sistema per la lettura 3D degli spazi, e sulle sue applicazioni di realtà aumentata, in stile HoloLens o Google Glas.

Secondo un’indagine di The Information l’obiettivo della divisione VR di Google guidata da Clay Bavor, l’inventore di Cardboard, sarebbe ben conscia del fatto che l’utente comune non è interessato nell’investire in dispositivi ingombranti, come appunto sono i visori come Oculus Rift, e totalmente isolanti. Il futuro sarebbe quindi la realtà aumentata o mista.

LEGGI ANCHE: La svolta nella realtà virtuale consumer sarà Project Tango? 

Ancora è presto per parlare di dispositivi o applicazioni pratiche ma in effetti abbiamo già avuto un assaggio delle potenzialità della realtà aumentata di Project Tango grazie al prototipo di Lenovo durante lo scorso MWC e non è da escludere che presto a Cardboard sarà affiancato un’evoluzione del concetto di Google Glass, capace rendere “magica” la realtà di tutti i giorni.

Via: 9to5GoogleFonte: The Information