prototipo google communicator star trek

Google ci ha portato vicinissimi all’avere il Communicator di Star Trek

Leonardo Banchi

Non è certo una sorpresa il fatto che Google ami dedicare parte delle proprie energie a progetti particolarmente innovativi, che per le più disparate motivazioni non arrivano poi a vedere la luce.

Fra di essi, rimasto finora sconosciuto al pubblico, c’è stato anche un dispositivo Bluetooth, dotato di funzionalità di riconoscimento vocale, che doveva permettere di utilizzare la ricerca di Google senza nessun tipo di interazione visiva.

LEGGI ANCHE: L’innovativo design dei nuovi Google Glass è nascosto in questo brevetto?

Il dispositivo, dall’aspetto di una piccola spilla da attaccare al proprio maglione, era equipaggiato con un microfono ed un altoparlante, così da permettere all’utente di conoscere gli esiti della propria ricerca senza bisogno quindi di estrarre il proprio smartphone.

Ciò che sorprende di più dell’intervista rilasciata al Time dal vice presidente per la ricerca Amit Singhal è però l’ispirazione che ha dato il via alla progettazione del dispositivo: il gadget utilizzato dal capitano Picard di Star Trek per comunicare con l’Enterprise.

Non ci è dato purtroppo di sapere quando, nella storia di Google, tale dispositivo sia stato studiato e sviluppato, e quali siano le cause che hanno portato al suo abbandono. Tuttavia, negli ultimi anni l’interazione vocale del servizio di ricerca è molto migliorato, e l’idea potrebbe venire prima o poi trasportata all’interno di qualche altro progetto: ad esempio sui nuovi smartwatch, che almeno esteticamente, sembrano essere già pronti ad assolvere il compito.

Via: TheNextWeb