traffico here

Il servizio per il traffico di HERE vuole sapere come guidate

Cosimo Alfredo Pina Uso di fari, freni e tergicristalli: ecco come HERE raccoglierà informazioni sul traffico.

HERE è stata per anni la divisione per mappe e navigazione di Nokia ma ad agosto 2015 è passata ai gruppi BMW, Daimler e Volkswagen per occuparsi anche di self driving e monitoraggio del traffico.

Nuove interessanti informazioni a riguardo di quest’ultimo aspetto le riporta Reuters che indica come il servizio di monitoraggio del traffico di HERE si appoggerà alla flotta dei milioni di auto delle case tedesche – vi ricordiamo essere dietro il marchio Mercedes-Benz – per avere indicazioni in tempo reale ancora più precise.

Per fare ciò HERE raccoglierà, sempre stando a Reuters, “dettagliati dati video”, oltre che un sacco di informazioni sull’attivazione dei vari apparati dell’auto. Si parla ad esempio di fendinebbia e tergicristalli per le condizioni meteo oppure i freni per meglio identificare gli ingorghi.

LEGGI ANCHE: HERE rivela il futuro delle mappe per le self-driving car

Facendo leva su dati come questi, ovviamente anonimi ma che includeranno informazioni sulla posizione, uniti a quelli di altri sensori HERE punta a creare il più affidabile e preciso sistema per il controllo del traffico, capace anche di surclassare soluzioni come Waze che fa affidamento su una community piuttosto attiva di utenti o quelle delle usatissime mappe di Google ed Apple.

Inoltre un sistema del genere aiuterà non poco HERE a correre nella sempre più affollata corsa all’auto a guida autonoma. Un sistema sulla carta davvero interessante che è sarebbe pronto al debutto per la prima metà del 2017, anche se resta da capire se il tutto si baserà sui modelli già in commercio o se la tecnologia sarà implementata nelle prossime generazioni di auto dei gruppi BMW, Daimler e Volkswagen.

 

Via: Tech CrunchFonte: Reuters