htc vive prezzo

HTC Vive sarà distribuito gratuitamente agli sviluppatori (almeno in parte)

Leonardo Banchi

La guerra per il predominio nel campo della realtà virtuale è appena agli inizi, ma questo non la rende meno agguerrita: uno degli ultimi arrivati nella competizione, il Vive nato dalla collaborazione fra HTC e Valve, punta infatti a raggiungere il mercato entro la fine dell’anno, con la consapevolezza che ciò che farà realmente la differenza rispetto alle alternative saranno probabilmente le applicazioni disponibili.

Per questo, pare che i due produttori abbiano intenzione di concedere, agli sviluppatori che ne facciano richiesta, un HTC Vive gratuitamente: o almeno, all’inizio.

LEGGI ANCHE: La realtà virtuale di HTC Vive sarà la migliore, ma non economica

La notizia viene dalle pagine di Ars Technica, al quale il portavoce Doug Lombardi ha dichiarato che giungerà, in tempi piuttosto brevi ma non meglio specificati, un sito dedicato nel quale saranno presenti informazioni dettagliate e la possibilità di iscriversi per ricevere un set di sviluppo.

Il progetto sarà aperto a sviluppatori di ogni dimensione, ma non è chiaro quali saranno i termini di iscrizione nè quanto ampia sarà la disponibilità dei set distribuiti gratuitamente. Tuttavia, la strategia appare già così piuttosto in contrasto con quelle adottate dai principali concorrenti: le prime unità di Oculus sono infatti state spedite ai finanziatori di Kickstarter, mentre gli sviluppatori possono acquistarne uno spendendo 350$; il Project Morpheus di Sony è stato inviato solo a una ristretta cerchia di sviluppatori selezionati; mentre il Gear VR nato dalla collaborazione fra Oculus e Samsung può essere acquistato da chiunque per circa 200$.

Quale sarà la strategia vincente? Nonostante la corsa allo sviluppo, i dispositivi per la realtà virtuale non appaiono in nessun caso pronti al lancio sul mercato, ma questi potrebbero essere proprio i mesi decisivi. Non resta quindi che piazzare le proprie scommesse sul vincitore e attendere i prossimi sviluppi, che provvederanno sicuramente di volta in volta a cambiare nuovamente le carte in tavola.

Via: TheVerge