vivalnk-0-820x420

I tatuaggi digitali sono ottimi termometri per bambini

Lorenzo Fantoni

I tatuaggi digitali fino ad oggi avevano senso solo perché permettevano di sbloccare il proprio telefono usando la fotocamera, ma finalmente è arrivato un uso decisamente più utile per questi sensori wireless che possono aderire alla pelle e comunicare col telefono: la rilevazione della temperatura.

 

LEGGI ANCHE: Batterie tatuabili che si ricaricano con l’acido lattico del sudore

VivaLnk eSkin Thermometer si applica al braccio, proprio come i tatuaggi che sbloccano i telefoni, creati dalla stessa azienda, e sono in grado di passare dati sulla temperatura ad uno smartphone, dove possono essere letti in tutta comodità. La particolarità è che i dati sarebbero disponibili in un paio di secondi, un tempo brevissimo e fondamentale, sopratutto quando si cerca di rilevare la temperatura di un bambino, che potrebbe non gradire un termometro classico.

Non a caso il VivaLnk è stampato con disegni allegri e personaggi in stile cartoonesco, così da piacere ai più piccoli, anche il materiale è molto morbido, flessibile e non invasivo, così da non dare fastidio.

L’app sul telefono dovrebbe essere in grado di registrare più temperature nel tempo, avvisando in caso di cambiamenti importanti o pericolosi. Per farla funzionare basta mettere la videocamera del telefono di fronte a un codice con l’app aperta.

Non si sa ancora quando VivaLnK sarà disponibile, né il suo prezzo, ma i tatuaggi con cui sbloccare il telefono costavano circa 10 dollari a confezione.