I mobili IKEA avranno un cervello artificiale?

Cosimo Alfredo Pina

Forse è ancora presto per sperare di assemblare il proprio assistente virtuale personale, eppure IKEA sta palesemente mostrando interesse verso questa tecnologia. Infatti i laboratori di ricerca Space10 del colosso dell’arredamento fai-da-te stanno conducendo un sondaggio su un ipotetico assistente virtuale.

I ricercatori hanno stilato il profilo dell’assistente perfetto, almeno per il campione di persone intervistate (potete partecipare anche voi). A quanto pare l’IA esemplare dovrebbe avere una forma umanoide, avere voce sessualmente neutrale, essere sensibile alle emozioni, obbediente, capace di prevenire le attività di oltre che di aiutare l’utente ad evitare gli errori.

LEGGI ANCHE: IKEA abbraccia la casa smart con lampadine ed hub wireless

L’azienda spiega che per ora il tutto è solo un esperimento per capire quali siano le preferenze delle persone riguardo a questo campo.

Però IKEA negli ultimi anni si è dimostrata più che aperta alle innovazioni, anche quelle che esulano da viti e legno. Ne sono un esempio l’integrazione della ricarica wireless e il lancio delle luci smart comandabili con lo smartphone, arrivate da poco anche in Italia. Chissà se tra qualche anno potremo parlare con il nostro armadio per avere consigli su come vestirsi in base alle condizioni meteo oppure con la cucina per spegnere il forno.

Via: The Next WebFonte: IKEA do you speak human
  • Psyco98

    La prima intelligenza artificiale ad imparare prima l supercazzole della parola