zombie-plant01

Il batterio che trasforma le piante in zombie

Lorenzo Fantoni

Se avete giocato a The Last of Us e vi siete spaventati per le spore che trasformano le persone in zombie, sappiate che qualcosa di simile in natura esiste davvero.

LEGGI ANCHE: Scienziati a lavoro su uno scudo anti terremoti

Non c’è solo il fungo cordyceps, a cui il videogioco di Sony è ispirato, anche altre parassiti sono perfettamente in grado di prendere il controllo del corpo di piante e animali per far fare loro ciò che vogliono.

Un gruppo di scienziati del John Innes Centre in Gran Bretagna ha infatti scoperto che un batterio parassita può trasformare le piante in morti viventi.

Quando attacca il batterio cambia colore ai petali, trasformandoli dal bianco al verde e impedendo al fiore di produrre polline, costringendo il fiore ad autodistruggersi. Tecnicamente il fiore sembra vivo, ma è vivo solo perché serve all’agente patogeno, in senso evoluzionistico, è morta e non si riprodurrà.

Per diffondersi il batterio non solo cambia la struttura del fiore, ma attira insetti che succhiano la linfa così da essere trasportato su altre piante per continuare l’infezione.

Il giorno in cui qualche batterio deciderà che siamo abbastanza gustosi saremo finiti, poco ma sicuro.

zombie-plant02