campo magnetico terrestre

Il campo magnetico terrestre potrebbe invertirsi entro questo secolo

Cosimo Alfredo Pina -

Il campo magnetico terrestre è soggetto a delle normali fluttuazioni, che lo portano ogni 200-300.000 anni ad invertirsi tra polo nord e sud. La comunità scientifica annuncia che questo fenomeno potrebbe accadere nell’arco dei prossimi 100 anni, portando ad effetti del tutto imprevedibili sulla nostra vita e sull’ambiente che ci circonda.

Secondo uno studio del 2004 questo processo avrebbe dovuto impiegare 7.000 anni, ma una nuova ricerca, pubblicata sul Geophysical Journal International, ha evidenziato come l’ultima inversione sarebbe avvenuta in circa 100 anni. Il calcolo è stato eseguito analizzando alcuni strati di cenere vulcanica prelevati dagli Appennini ad Est di Roma.

LEGGI ANCHE: Onde radio provenienti dallo spazio profondo

In queste formazioni l’orientamento magnetico delle particelle è come bloccato permettono lo studio. Sommando i dati di ogni strato è stato possibile effettuare i dovuti calcoli. Gli scienziati ci tengono a precisare che non è possibile sapere se la prossima inversione impiegherà lo stesso tempo, tuttavia non è possibile neanche avere certezze sul contrario.

Gli scenari associabili a questo fenomeno sono vari e molto probabilmente coinvolgeranno i sistemi di navigazione e le infrastrutture per la comunicazione e il trasporto di energia. È dunque il caso di allarmasi e prepararsi alla prossima apocalisse magnetica? Impossibile a dirsi, ma nel caso scordatevi di fare affidamento sulle bussole.

 

Via