BN-GL228_FDAFAT_J_20150114162454

Il pacemaker per lo stomaco dedicato a chi vuole perdere peso

Lorenzo Fantoni

In questi giorni negli USA le leggi federali hanno approvato un device per la dieta che funziona come un pacemaker per lo stomaco e che, manipolando gli impulsi nervosi può modificare la sensazione di sazietà o fame.

LEGGI ANCHE: Un impianto neurale flessibile potrebbe aiutare nella cura delle paralisi (video)

Il Maestro Rechargeable System, sviluppato da EnteroMedics è il primo dispositivo a trattare l’obesità sfruttando gli impulsi nervosi che connettono stomaco e cervello. Tutto si basa sul concetto di bloccare gli impulsi elettrici del nervo vago addominale con impulsi elettrici ad alta frequenza.

Tuttavia,  non parliamo di una cura miracolosa per persone che fanno troppa fatica a sostenere una dieta bilanciata, ma uno strumento pensato per persone con obesità gravi associate ad altre condizioni di salute come il diabete o la pressione alta. I pazienti ideali sono persone sopra i 18 anni che hanno un incide di massa corporea tra il 35 e il 45 o che sono circa 35 kg sopra il proprio peso ideale.

Ma funziona? In un test eseguito su 233 pazienti, il Maestro Rechargeable System non ha raggiunto l’obiettivo, ma ci è andato vicino. In un arco di 12 mesi i pazienti che usavano il dispositivo dovevano perdere il 10% di peso in più rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, i 157 pazienti che lo hanno usato hanno perso solo l’8,5% di peso rispetto agli altri.

In totale, il 52,5% delle persone che sfruttavano Maestro per perdere peso hanno detto addio al 20% del peso in eccesso, mentre il 38, 3% è arrivato al 25%.

Adesso i produttori dovranno fare uno studio di cinque anni su 100 pazienti, per monitorare la situazione e l’eventuale manutenzione del device.

Per quanto riguarda le controindicazioni, possono esserci dolori, nausea, e complicazioni chirurgiche durante l’inserimento nel paziente, ma i problemi gravi hanno una percentuale del 3,7%.